BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DENIS VERDINI/ Bankitalia rileva un conflitto d’interessi per 60 milioni di euro

Verdini_DenisR375.jpg (Foto)

Secondo gli ispettori l’incapacità gestionale, poi, avrebbe «determinato il sostanziale azzeramento della capacità reddituale» della banca. Non solo: pare che l’esecutivo dell’istituto fosse «scarsamente autorevole» il collegio sindacale «privo di sufficiente indipendenza». Tutto il potere, in pratica, era saldamente e «totalmente accentrato» nelle mani di Verdini il quale sarebbe stato il «principale fautore della politica di espansione creditizia verso clientela di grandi dimensioni, fra cui rientrano anche iniziative riconducibili al suo gruppo familiare». Tutto ciò sarebbe stato realizzato contro le indicazioni provenienti dall’istituto di Vigilanza e dalle «linee strategiche elaborate per il triennio 2008-2010, che prevedevano la diversificazione del portafoglio crediti a favore delle famiglie e delle piccole e medie imprese». Il conflitto d’interessi ammontava, sempre secondo la Banca d'Italia, a 60 milioni di euro. 

 

Leggi anche: IL GIORNALE/ Feltri: Napolitano mette il “bavaglio” alle nostre inchieste su Fini. Ma quelle di Repubblica sul premier gli andavano bene

 

 

Leggi anche: IL GIORNALE/ Sallusti: Fini sapeva, la fattura della cucina della casa di Montecarlo lo prova


© Riproduzione Riservata.