BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

YOUTUBE GROUND ZERO/ Video - Obama: Ok alla costruzione di una moschea

Secondo il presidente Obama gli Islamici hanno il diritto di costruire una mosche nei pressi di Gorund Zero, l’area dove sorgevano i grattacieli distrutti l’11 settembre 2001 da un attentato terroristico di matrice islamica.

barackobama_R375.jpg(Foto)

Secondo il presidente Obama gli Islamici hanno il diritto di costruire una mosche nei pressi di Gorund Zero, l’area dove sorgevano i grattacieli distrutti l’11 settembre 2001 da un attentato terroristico di matrice islamica.


Gli islamici hanno il diritto di costruire una moschea nell’area di Ground Zero, il luogo in cui un tempo sorgevano le Torri gemelle distrutte da un attentato terroristico di matrice islamica l’11 settembre 2001. Lo ha dichiarato Obama, alla Casa Bianca, parlando alla comunità islamica americana prima che iniziasse la Iftar, la cena che tradizionalmente inaugura l'inizio del Ramadan. «Recentemente l'attenzione si è concentrata sulla costruzione di alcune moschee in certe comunità, in particolare a New York. Ora, dobbiamo tutti riconoscere e rispettare le sensibilità attorno alla ricostruzione del quartiere di Lower Manhattan», ha dichiarato il presidente americano.


Secondo Obama, «gli attacchi dell'11 settembre sono stati un evento profondamente traumatico per il nostro paese. Il dolore e la sofferenza vissuta da chi ha perso i propri cari è inimmaginabile, quindi capisco le emozioni che questa vicenda provoca. Ground Zero è, per queste ragioni, un territorio sacro». Tuttavia, il numero uno della Casa Bianca distingue: «la causa di Al Qaeda non è l'Islam ma solo una volgare distorsione dell'Islam» che fa capo a terroristi che uccidono innocenti». Per questo, «con la massima chiarezza in quanto cittadino, in quanto presidente – dice - sono convinto che i musulmani abbiano lo stesso diritto di praticare la propria religione come qualsiasi altra persone in questo paese». Il che, per il presidente, comprenderebbe «il diritto di costruire un luogo di culto e un centro per la comunità su una proprietà privata a Lower Manhattan, nel rispetto delle leggi e delle ordinanze locali.