BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FRANCESCO COSSIGA/ Telese (Il Fatto): sapeva essere spietato, ma diceva la verità

Pubblicazione:

Cossiga_FrancescoR375.jpg

 Per Luca Telese, in particolare Cossiga era l’unico che poteva permettersi di sostenere entrambi gli schieramenti senza cadere in contraddizione: «arrivò a definire Berlusconi“l’anticristo” (il che non gli impedì di sostenerlo, in alcuni casi, e di vedere suo figlio Giuseppe eletto deputato del Pdl)» e quando «gli si ricordava che era di destra rispondeva beffardo: “Alle primarie ho fatto il tifo per il mio amico Vendola…”». Disse che piuttosto che votare Veltroni si sarebbe fatto frate e, da presidente, «picconò la prima repubblica, cavalcò l’onda di emotività di Tangentopoli (fino a sostenere Di Pietro!) rottamò politicamente (e polemicamente) il pentapartito e il suo stesso partito (la Democrazia Cristiana)». Non solo. Ricorda Telese che nel 1999 fondò un partito, l’Udr. Un partito piccolo che, tuttavia, «permise la nascita del governo D’Alema, portando – come ricordava con orgoglio prima, e con pentimento poi – “un ex comunista a Palazzo Chigi”»


Leggi anche: MORTO COSSIGA/ Oltre lo statista, il ricordo di un uomo alla ricerca della verità, di R. Farina

 

 

Leggi anche: FRANCESCO COSSIGA/ Il mistero delle lettere sigillate: potrebbero squarciare il velo sugli enigmi più inquietanti?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.