BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BABY MILIARDARIO/ A 16 anni guadagna già 1,5 milioni di euro: «Mi fermerò solo quando arriverò a 100 milioni»

Pubblicazione:

monete_pila_R375.jpg

Ha giurato che non smetterà di sviluppare l’impresa che ha fondato un anno fa finché varrà almeno 100 milioni di sterline. Ma all’età di 16 anni, l’inglese Christian Owens è già arrivato a quota 1 milione e 200mila sterline, pari a 1 milione e 458mila euro. Lo studente imprenditore ha utilizzato le mance dei genitori per fondare il sito web Mac Box Bundle quando aveva solo 14 anni. E dal momento del suo lancio, nel 2008, il portale gli ha portato ricavi pari a ben 700mila sterline.

 

Ma non contento, come scrive il Daily Mail, l’anno scorso ha deciso di creare una seconda società, Branchr, che si occupa di pubblicità on-line. Un progetto al quale ha lavorato nei pomeriggi dopo la scuola e nei week-end. Branchr è stato un successo tra i siti Internet. Producendo un risultato sbalorditivo, 500mila sterline nel suo primo anno. E ora tra i suoi clienti conta il sito per scommettitori William Hill. E questo nonostante il fatto che Christian è troppo giovane per fare una scommessa su quel portale.

 

IL SUO IDOLO? STEVE JOBS - Ma anche il social network MySpace ha beneficiato dei servizi della sua società. Christian, che vive a Corby nel Northamptonshire, attualmente dà lavoro a otto dipendenti, tutti adulti, tra Regno Unito e America come assistenti tecnici e addetti alle vendite, e progetta di aprire due nuove sedi per Branchr l’anno prossimo. Il ragazzo vive ancora con i suoi genitori, la madre Alison, 43 anni, segretaria, e il padre Julian, 50 anni, operaio. Christian racconta che l’ispirazione per le sue società gli è venuta dopo aver osservato l’immenso successo riscosso dall’ad della Apple, Steve Jobs.

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO

 

LEGGI LE ALTRE NEWS DI CRONACA

 

LEGGI LE ALTRE NEWS DI CURIOSITA'


  PAG. SUCC. >