BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING/ 3. Guarnieri: «Meeting di Rimini: è l'anno del cuore»

Pubblicazione:

Trader_TrombettaR375.jpg

Caligola è l’uomo che scopre il suo desiderio di infinito - “ho bisogno della luna” - e non trovando una risposta a questo desiderio impazzisce. Un grande testo teatrale, una provocazione attuale, perché spesso tanti drammi umani, che sfociano poi nella droga, nella violenza, nella malattia, hanno alle spalle un esasperato ed inappagato desiderio di giustizia, di amore, di verità.

 

 

Lunedì chiederete al Cardinale Erdo e al Metropolita di Minsk Filaret se un europeo moderno possa "credere proprio" alla divinità di Cristo: la cultura aiuta a desiderare "cose grandi" oppure è una zavorra?

 

 

Viva la cultura, sempre! Cultura è consapevolezza del rapporto con il reale, è l’humus nel quale si tirano su i figli, è di ogni uomo e di ogni popolo. Sono cultura il volontario che lavora al Meeting, come la donna che canta al proprio piccolo, perché in ogni gesto si esprime la coscienza del rapporto che il particolare ha con la totalità, tant’è vero che quanto più questa coscienza è forte, tanto più è alta la cultura che si esprime. Anche la cultura intellettuale e accademica o esprime una concezione della vita o resta pura chiacchera: non serve né interessa a nessuno. Al Meeting inoltre ci sarà letteratura, poesia, musica, perché niente come la poesia è in grado di evocare l’infinito sospingendo il cuore verso le cose grandi.

 

Da qualche tempo, il "Meeting della politica" è sottotono: segno che la politica non ha "cuore"?


Un politico che il cuore ha mostrato di averlo è stato Cossiga. Al Meeting ci aveva invitato ad essere liberi dal potere e ad avere la fantasia dei figli di Dio. Uno che la politica la faceva, che ha fatto parlare di sé perché le idee le aveva. Ciò che oggi manca è il dibattito ideale, non astratto, ma quello che di fronte ai problemi ha la libertà di identificarli e il coraggio di lanciare un progetto, un’idea. Al Meeting la politica non manca, ciò che ci interessa è che si parta dai reali bisogni. Un esempio? L’incontro-confronto del ministro Maroni con opere che lavorano in tema di immigrazione.

 

Di anno in anno, aumenta la caratura degli incontri economici: dobbiamo aspettarci una "ricetta ciellina" contro la crisi?


L’economia è un test per verificare se l’uomo può compiere il proprio desiderio di felicità da solo, rifugiandosi nell’individualismo più sfrenato, oppure se ha bisogno dell’altro. La mostra “ Dentro la crisi,oltre la crisi” curata dalla Fondazione per la Sussidiarietà, così come la presenza delle opere della Cdo rappresentano il contesto nel quale abbiamo invitato Marchionne, Tremonti, Passera, Marcegaglia… Con loro vogliamo verificare quanto una concezione ideale c’entri anche con l’economia.

 

(Paolo Viana)

 

L'intervista è stata pubblicata oggi da L'Avvenire


© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.