BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING/ Carceri a "bassa sicurezza" per combattere il sovraffollamento

Pubblicazione:domenica 22 agosto 2010

Carcere_Luce_SbarreR375.jpg (Foto)

A mio parere giustizia e legalità, oggi ampiamente oggetto di accesi dibattiti a livello politico, scientifico e tecnico, sono esperienze ormai defraudate della loro sorgente nativa, quasi fossero semplici ingranaggi di un meccanismo che si vorrebbe solamente più efficiente e celere, limitato, nelle sue finalità, alla pratica soluzione dei conflitti sociali, quale essa sia e indipendentemente da una domanda di senso.

Ecco perché ritengo che, anche con riguardo alla giustizia e alla legge, il nodo cruciale da affrontare sia quello educativo. Riguardando i più svariati e complessi bisogni dell’uomo, nei suoi rapporti interpersonali e con la realtà tutta, la giustizia è prima di tutto un'esigenza costitutiva e originaria del cuore umano, di come questo possa essere condotto al suo compimento e poi, ma solo come conseguenza necessaria, un percorso tentativamente risolutivo dei problemi che attengono all’ordinata convivenza sociale e alla soddisfazione dei bisogni dei singoli.

L’io non è un prodotto del cervello, come affermava il premio Nobel John Eccles; così come la giustizia non è un prodotto della legge, non è l’esito automatico di una norma positiva, bensì un bisogno che preesiste come urgenza di compimento dell’essere, che va dunque riconosciuto, sostenuto e favorito dalla legge stessa.

Per cui alla domanda, oggi ampiamente diffusa, di come può efficacemente tradursi la giustizia a livello normativo e processuale, mi sembra corretto anteporne un’altra, più importante: "quando l’uomo è giusto?” o, meglio, “cosa rende l’uomo giusto?”, sì da poter conformare a giustizia la stessa interpretazione e applicazione della legge. Perché è evidente, per esempio, che la sentenza di un giudice, benché tecnicamente corretta e immune da vizi logici, può essere sostanzialmente iniqua se l’uomo che la redige non è in un rapporto adeguato con il reale, non “legge” la realtà in modo equilibrato, tenendo conto della pluralità dei fattori in gioco.

Si tende infatti a spostare il tema del giusto e del vero dal soggetto alla tecnica normativa, trasformandolo quindi in un’astratta retorica della “professionalità”, spesso dominata dalla reattività del momento e quindi succube della mentalità dominante e del consenso sociale. Si tratta, a ben vedere, di un problema non del solo oggi. Chi non ricorda la famosa “Storia della Colonna Infame” di Manzoni?


 

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO


  PAG. SUCC. >