BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FIAT/ I tre lavoratori reintegrati non possono lavorare e chiedono l'intervento di Napolitano

fiat_R375.jpg (Foto)

 Fiat ha affidato ad una nota la replica, dicendosi «fiduciosa che il Tribunale di Melfi, nel giudizio di opposizione, saprà ristabilire la verità dei fatti» e convinta che «siano pienamente legittimi i provvedimenti adottati nei confronti dei tre lavoratori licenziati e poi reintegrati dal giudice del lavoro». Intanto, il ministro del Welfare Maurizio Sacconi, al Meeting di Rimini, ha voluto scindere la questione politica da quella strettamente giudiziaria. «Sulla vicenda che riguarda alcune persone e per la quale ci sono processi giudiziari in corso – ha detto - non mi esprimo. Rispetto la dimensione giudiziaria di questa vicenda, poi c'è una dimensione politica e mi dispiace non aver mai sentito la Fiom pronunciarsi su questa dimensione politica». Secondo il ministro «il giudice deve esaminare se c'è stato o meno sabotaggio, in quel caso. Può una minoranza di lavoratori impedire agli altri di lavorare avvicinandosi al Carrello che alimenta la produzione e bloccando la produzione? Può esserci la possibilità da parte di una minoranza di bloccare il lavoro degli altri ?».


Leggi anche: ANTICIPAZIONE/ Sacconi: la verifica si farà in Parlamento su vita e sussidiarietà. E i "veri" cattolici saranno con noi...

 

 

Leggi anche: IGNAZIO LA RUSSIA/ Un governo senza Lega e Rutelli e Casini nel governo? Bocchino ha idee fantasiose

© Riproduzione Riservata.