BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MINATORI CILENI/ Gli psicologi: Intrappolati nella notte senza tempo, rischiano di essere sopraffatti dalle allucinazioni

Pubblicazione:giovedì 26 agosto 2010

minatori-cile-r375.jpg (Foto)

I 33 minatori cileni intrappolati a 700 metri di profondità nel sottosuolo rischiano di non tornare in superficie per molti mesi, probabilmente addirittura fino a Natale. Dovranno vivere a lungo in spazi angusti, al buio e con la paura che qualcosa possa andare storto. Il loro unico contatto con la superficie è un tubo largo 10 centimetri. Come sopravvivranno in quelle condizioni? Quali conseguenze, fisiche ma soprattutto psicologiche, potrebbe avere la loro permanenza sottoterra? Tutto è iniziato 20 giorni fa, quando a causa del crollo di un tunnel i 33 minatori cileni sono rimasti intrappolati senza poter dare o avere notizie dall’esterno, e se la sono cavata raggiungendo uno dei rifugi di emergenza presenti nella miniera dove hanno potuto approvvigionarsi alle riserve di acqua e cibo.


CALDO, RUMORE E MANCANZA DI SPAZIO - Il rifugio è largo solo 50 metri quadrati, a poca distanza da una cascata molto rumorosa e con una temperatura elevata, ben 32,5 gradi. I 33 minatori sono sopravvissuti dividendo piccole porzioni di pesce in scatola immagazzinato al suo interno. Poi, quando una sonda è riuscita a intercettarli alla profondità di 700 metri sotto il suolo, sfondando l’ultimo strato di terra e roccia che divideva il rifugio dall’ennesimo foro scavato per raggiungerli, sono stati inquadrati dall’obiettivo mentre agitavano le braccia e si abbracciavano per la gioia. Ma la situazione nella miniera di oro e rame a San Esteban continua a essere drammatica, anche se domenica una sonda ha raccolto un biglietto dei minatori in cui si diceva che erano tutti vivi e stavano bene e si trovavano in uno stretto rifugio da 50 metri quadrati. Secondo quanto comunicato agli stessi minatori, resteranno nel rifugio almeno fino al 18 settembre, ma l’ipotesi più probabile è che la loro liberazione, attraverso un foro largo 66 centimetri, avvenga non prima di Natale.
 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI MINATORI CILENI


  PAG. SUCC. >