BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MINATORI CILENI/ Gli psicologi: Intrappolati nella notte senza tempo, rischiano di essere sopraffatti dalle allucinazioni

Pubblicazione:

minatori-cile-r375.jpg

 

PESCE IN SCATOLA - I 33 lavoratori sono sopravvissuti dividendo piccole porzioni di pesce in scatola immagazzinato nel rifugio. «I medici ora stanno iniziando a rifornirli attraverso il tubo con acqua al glucosio, altri liquidi e sali reidratanti. E nei prossimi giorni faranno avere loro anche alimenti più solidi», ha rivelato martedì mattina la Cnn. Il buco creato dai soccorritori è però molto piccolo e non consentirà ai minatori di uscire in tempi brevi dalla miniera. A questo punto il piccolo foro che mette in comunicazione le squadre di soccorso con i 33 uomini potrà fungere da canale per calare all’interno del rifugio acqua e cibo, oppure – se necessario – anche bombole di ossigeno. In queste ore, poi, i soccorritori stanno lavorando per mettere a punto un sistema audio e video che permetta di comunicare con gli uomini intrappolati in profondità.


IL PIANO DELLA NASA - E addirittura la Nasa, chiamata in aiuto per fornire assistenza durante l’intervento di recupero, ha accettato di impegnarsi a favore dei minatori. Ciò che attraversa il tubo dovrà essere in grado sostentare i 33 uomini fisicamente e sostenerli mentalmente per diversi mesi - dicono gli esperti – almeno finché sarà scavato un condotto largo abbastanza per farci passare un uomo. Ma oltre ai disagi legati allo spazio ristretto del rifugio e alla preoccupazione per il futuro, è soprattutto il fattore psicologico a poter risultare determinante in una situazione come questa.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SUI MINATORI CILENI


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >