BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REGGIO CALABRIA/ Bomba contro l’abitazione del procuratore generale. Nessun ferito

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;} Una bomba è esplosa questa notte contro il portone dell'abitazione del procuratore generale di Reggio Calabria  

Il procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro Il procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro

Una bomba è stata fatta esplodere questa notte contro il portone dell’abitazione del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro. L’esplosione ha distrutto il portone, danneggiato l’atrio e procurato danni anche ad abitazioni vicine. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

La casa del magistrato si trova in pieno centro di Reggio Calabria e Di Landro si trovava in casa con la moglie, al quarto piano dell’edificio. Un evidente avvertimento della ‘ndrangheta che sembra aver ritrovato slancio intimidatorio. Di Landro ha commentato: “Contro di me, a partire dall'attentato a gennaio contro la Procura generale, c'é stata una tensione malevola e delittuosa crescente, da parte della criminalità organizzata, che si è personalizzata".