BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FALSI POVERI/ Multe salate per chi ha ricevuto i bonus senza essere indigente

Falsi poveri, stretta in arrivo. Per coloro che hanno usufruito di prestazioni sociali agevolate legate al reddito (assegni familiari, assistenza domiciliare ma anche contributi per gli affitti, borse di studio ecc) non avendone diritto potrebbero arrivare a breve multe fino a 5mila euro

agenzia-delle-entrate-r375.jpg(Foto)

Falsi poveri, stretta in arrivo. Per coloro che hanno usufruito di prestazioni sociali agevolate legate al reddito (assegni familiari, assistenza domiciliare ma anche contributi per gli affitti, borse di studio ecc) non avendone diritto potrebbero arrivare a breve multe fino a 5mila euro. La stretta sui falsi poveri è prevista dal decreto legge del 30 luglio 2010 (la manovra sulla stabilizzazione finanziaria e la competitività economica) sul quale nei giorni scorsi l'Inps ha pubblicato una circolare per una «prima informativa». Il decreto legge prevede uno scambio di informazioni tra Inps, agenzia delle entrate ed enti erogatori delle prestazioni volto a evidenziare i soggetti beneficiari di queste prestazioni.

La norma prescrive inoltre di «comminare una sanzione» per i falsi poveri, cioè per coloro i quali a causa del maggior reddito accertato o della discordanza tra reddito indicato nella dichiarazioni unica sostitutiva (Dsu) e quello dichiarato ai fini fiscali «non avrebbero potuto fruire o avrebbero fruito in misura inferiore delle prestazioni sociali agevolate». La sanzione per i falsi poveri varierà tra i 500 e i 5mila euro e sarà irrogata dall'Inps «avvalendosi dei poteri e delle modalità vigenti sulla base dei criteri che saranno indicati dal ministero del Lavoro».