BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAPODANNO 2011/ Morti e feriti per i botti: Carmine Cannillo nel napoletano ucciso da un proiettile vagante

Pubblicazione:sabato 1 gennaio 2011

ambulanzaR400.jpg (Foto)

Carmine Cannillo, l’uomo ucciso nel napoletano da un proiettile vagante, stava festeggiando l’arrivo del nuovo anno con la sua famiglia. Si trovava nel cortile del condominio di via Limitone, quando all’improvviso si è accasciato al suolo privo di sensi.  Era stato centrato alla spalla sinistra da un proiettile vagante. Portato d’urgenza  all’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore,  purtroppo non c’è stato più nulla da fare per lui. L’uomo lascia due figli e una moglie. 

Alla morte di Cannillo, si sommano altre 70 persone ferite nel napoletano: il più grave, ma non in pericolo di vita, un giovane di 28 anni raggiunto al volto da un proiettile in piazza Borsa a Napoli.
Anche a Milano i petardi e i fuochi d’artificio hanno causato feriti: 11 le persone rimaste coinvolte. Un bambino di 11 anni è stato colpito ai testicoli da un botto e poi trasportato all’Ospedale Buzzi, gli altri 10 invece sono stati colpiti in modo lieve. Nella notte gli interventi sono stati circa 300 e oltre 600 le chiamate al servizio di ambulanze. La maggior parte segnalavano persone in stato di ebbrezza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.