BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J'ACCUSE/ Così medici e filosofi mantengono in vita l'eugenetica

CARLO BELLIENI ci spiega come cacciata dalla porta, l’eugenetica sia rientrata con forza dalla finestra, grazie ad alcuni complici

Foto Fotolia Foto Fotolia

Cacciata (in apparenza) dalla porta, l’eugenetica rientra dalla finestra. E con che forza! Nell’ultimo numero del Journal of Medicine and Phylosophy, si spiega un fatto nuovo: alcuni filosofi ormai reputano obbligatorio “migliorare” la specie umana tramite le nuove tecnologie, anche obbligando i riottosi. Gli autori dell’articolo mettono in questione quest’obbligo, ma quello che è chiaro è che l’eugenetica è tornata.

 

Uno studio di qualche anno fa (JAMA, novembre 2000) mostrava la percentuale di medici europei che pensa che la morte sia preferibile ad avere un handicap. I valori sono davvero alti: se si parla di vivere con handicap mentale grave, i medici che pensano che sia meglio vivere piuttosto che morire va dall’ 1% (Olanda) al 26% (Italia); mentre quelli che pensano che piuttosto che morire, sia meglio vivere anche con un handicap fisico grave va dall’8% (Olanda) al 63% (Ungheria).

 

Questo dato è inquietante, perché mostra come tra gli stessi medici, che dovrebbero mettere il curare come primo fine del loro lavoro (tranne quando la cura sia dichiaratamente inutile), c’è un senso di inutilità nel curare chi ha una disabilità grave, tanto che percentuali altissime di loro pensano che è meglio per il paziente con disabilità grave morire. Oltretutto, questo valore dato alla vita umana era direttamente in relazione con la tendenza che i medici stessi hanno a sospendere le cure in caso di prognosi grave.

 

Questi dati mostrano una paura verso la disabilità in sé e verso il limite che acquisterebbe la propria vita se perdesse certe caratteristiche, e ci riportano alla recente indagine Censis che mostra (dicembre 2010) che i nostri contemporanei hanno perso un dato importante della loro umanità: il “desiderio”. Per il Censis, appagati i traguardi che ci si prefiggeva in passato (dalla casa di proprietà alla possibilità di andare in vacanza o possedere beni) ci si confronta oggi con la frenetica rincorsa a oggetti «in realtà mai desiderati».

 

Ma il desiderio non cala quando sparisce la materia da desiderare, ma quando crolla miseramente l’io umano, che ha come caratteristica intrinseca proprio una salutare insoddisfazione perché, come scriveva Montale, “tutte le immagini portano scritto: Più in là”. È il desiderio che connota l’uomo, e quando sparisce il desiderio, tutto si immiserisce, si tenta di pianificare tutto perché il desiderio è capace di affrontare le sfide (della malattia, della sfortuna), la perdita del desiderio invece ha paura di tutto, è fobica, si vuole sbarazzare di ogni segno di una realtà che non sa gestire, e apre ad aborto, eutanasia, droga.


COMMENTI
12/01/2011 - Chissà perché... (Francesco Giuseppe Pianori)

Il Dr. Bellieni è un grande! Una piccola curiosità: io soffro di sindrome bipolare, normalmente definita come grave disturbo dell'affettività; eppure, Dio solo sa quanto, nella mia professione di fisioterapista, io non mi dia mai per perso: vorrei tenere in vita anche le persone che sono proprio sul limite della vita. Allo stesso modo amava la vita la mia nipotina mongoloide. E' solo dei sani "sazi e disperati" desiderare la morte (degli altri ovviamente...)?