BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CASO RUBY/ La marocchina "seguita" col cellulare, ora si cercano le carte del «ragioniere di Arcore»

(foto Imagoeconomica)(foto Imagoeconomica)

È stata infatti perquisita la residenza di Giuseppe Spinelli, l'uomo che da anni amministra il portafoglio personale della famiglia Berlusconi. Secondo le indiscrezioni filtrate, dai suoi archivi risulterebbero decine di incontri tra il premier e Ruby.

 

Il Presidente del Consiglio intanto è intervenuto in propria difesa, criticando l'operato dei giudici. «Se volessi prendere sul serio un'iniziativa che seria in realtà non è, direi che si è superato ogni limite e che alcuni magistrati che non potrebbero neppure indagare per ragioni di competenza funzionale e territoriale stanno tentando di sovvertire le regole fondamentali della democrazia».

 

Ma mentre Berlusconi aggiunge che «non vede l'ora di difendersi in aula» in suoi avvocato hanno avanzato l'ipotesi che la procura di Milano non sia competente sul caso in questione: «Dalla lettura dell'atto notificato si può evincere come la Procura di Milano stia procedendo nei confronti del presidente Berlusconi in maniera non conforme alla normativa vigente», spiegano Nicolò Ghedini e Pietro Longo.

 

Tra le perone coinvolte nel caso figurano anche Lele Mora ed Emilio Fede. Il giornalista ha annunciato ieri durante la conduzione del telegiornale di essere disposto a «lasciare la direzione del Tg4» qualora le ipotesi di reato fossero confermate.

© Riproduzione Riservata.