BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SARAH SCAZZI/ Michele Misseri scagiona Sabrina, "perdonami se ti ho dato la colpa"

Michele Misseri scagiona la figlia Sabrina

Michele MisseriMichele Misseri

Due lettere di Michele Misseri, una a Sabrina e una a Valentina, scritte a Natale. E scatta il nuovo colpo di scena nell'infinito caso della morte di Sarah Scazzi.

Michele Misseri chiede scusa alla figlia Sabrina, in pratica la scagiona le dice che sa che lei non è colpevole ma è stato "costretto a denunciarla". La domanda a questo punto che tutti si fanno è: è ormai possibile credere a un uomo che ha cambiato versione su di un omicidio infinito volte, coinvolgendo e scagioando i suoi parenti più stretti? Gli avvocati della famiglia Scazzi rispondono così: «Allo stato quello che conta è ciò che ha detto Michele nell'incidente probatorio e null'altro». Le lettere sono state tirate in causa ieri quando i difensori di sabina si sono recati in carcere dal Misseri a chiedergli se le riconosceva e se ammetteva di esserne l'autore.

L'uomo ha risposto di sì. Le due missive sono state quindi consegnate ai pubblici ministeri subito dopo l'interrogatorio. I legali della famiglia Scazzi hanno altresì commentato: «A quel racconto manca un pezzo di verità la cui ricerca appare oggi contrastata da chi soprattutto ne teme forse le conseguenze. L'impressione nostra è che Michele sembra mostrarsi di fronte ai suoi familiari molto plasmabile e temiamo che stia subendo quell'influenza che lo vuole a tutti i costi 'ricacciato dentro il garage, lasciando ad altri la gestione degli eventi».

«Noi intanto - concludono i due legali - continuiamo ad approfondire tutti gli aspetti e ogni soggetto, di famiglia e non, che in qualche modo possano aver avuto ruoli e consapevolezze in ordine all'omicidio di Sarah».