BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SANTO DEL GIORNO/ 20 gennaio 2011: san Sebastiano martire

Andrea Mantegna, San Sebastiano (particolare)Andrea Mantegna, San Sebastiano (particolare)

Benché i suoi compagni gli consigliassero di andarsene da Roma, san Sebastiano decise di proclamare la propria fede davanti a Diocleziano e Massimiano e di condannare apertamente le persecuzioni contro i cristiani. Per questo fu nuovamente condannato a morte con flagellazione. L’imperatore ordinò poi di gettare il suo corpo nella Cloaca Maxima, in modo che i cristiani non potessero recuperare il suo corpo per dargli degna sepoltura. Tuttavia, la salma venne recuperata e sepolta nelle catacombe che oggi vengono appunto dette "di San Sebastiano".
La sua vita ci è narrata da sant’Ambrogio (340-397) nel suo Commento al salmo 118. Informazioni e leggende sulla sua vita sono raccontate nella Legenda Aurea scritta da Jacopo da Varagine ed in particolare nella Passio Sancti Sebastiani ("Passione di San Sebastiano"), opera a cura di Arnobio il Giovane, monaco del V secolo.
Spesso, in passato, Sebastiano veniva invocato come protettore contro la peste. Attualmente, in Italia, è il santo patrono della polizia municipale. Oggi è anche invocato contro le epidemie in generale, insieme a san Rocco.

© Riproduzione Riservata.