BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERREMOTO 11 MAGGIO/ Volantini della Protezione Civile: "Notizia falsa"

Pubblicazione:

Raffaele Bendandi, l'uomo che prevedeva i terremoti  Raffaele Bendandi, l'uomo che prevedeva i terremoti

Anche il terremoto del Friuli nel 1976 fu previsto dal sismologo, che tentò di avvisare le autorità senza però essere ascoltato. Bendandi fu trovato morto, in circostanze misteriose, il 3 novembre 1979 nella sua casa-osservatorio in via Manara 17 a Faenza. Bendandi infine avrebbe predetto un terremoto devastante per la città di Roma e aree limitrofe per il giorno 11 maggio 2011, e un altro di dimensioni ancora più apocalittiche per il 5-6 aprile 2012, affermando che in quella data parecchi terremoti colpiranno a macchia di leopardo tutta la Terra.

Paola Lagorio, presidente dell’associazione La Bendandiana, che custodisce tutti i documenti manoscritti del sismologo dice invece che nei documenti relativi al 2011 non si trova invece nessun riferimento a luoghi o date precise, come quelle che sono state riportate su Internet. Le notizie su un presunto terremoto previsto per l’11 maggio 2011 a Roma sono quindi destituite di ogni fondamento.

ROSPI ANTI TERREMOTO -
La scienza ufficiale sostiene comunque che sia impossibile prevedere i terremoti. Si può stimare con una certa approssimazione la possibilità che un terremoto si scateni un dato luogo, in un certo giorno e con una cetra intensità. D'altro canto, le zone ad elevato rischio sismico sono ben note e monitorate continuamente. Ci sono pi anche i segnali, i cosiddetti precursori sismici. Ad esempio l'emissione di radon, un indicatore che però fino a oggi ha dato scarsi risultati, le perturbazioni nella ionosfera fino agli sciami pre-sismici. Per alcuni scienziati, prima di un terremoto, dalla crosta terrestre si rilasciano figure di radon, un gas.

 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >