BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ New York chiama Napoli: ci sono solo monnezza e botti?

rifiuti_napoli_militari_R400.jpg (Foto)

Che resterà aperta, come ammette il presidente della Regione Stefano Caldoro, per almeno altri tre anni; quanti ce ne vorranno per realizzare il sistema completo di raccolta, trasporto, stoccaggio e incenerimento. Ora al circuito mancano pezzi importanti e bisogna inventarsi ogni giorno una soluzione nuova.


Certo, anche i pezzi che ci sono non funzionano a dovere e il fatto che manchi sempre qualcosa è usato come alibi per abbassare la qualità del proprio dovere. Così, nonostante le buone intenzioni manifestate nei salotti e nei convegni, non è sicuro che la classe alta si comporti sempre come dice e dovrebbe.


Nascono comitati civici, associazioni con ottime intenzioni, raggruppamenti d’imprese che chiedono comportamenti virtuosi alla pubblica amministrazione e alla politica; ci si esorta vicendevolmente a uscire dall’apatia che lascia spazio al male, che ha fatto precipitare Napoli nel fosso in cui tutti la vedono.


E poi, di fronte alle reiterate manifestazioni d’irresponsabilità diffusa ci si domanda se non sia vero quello che già qualcuno si è lasciato sfuggire di bocca di fronte all’arduo compito di mettere ordine in una città dove perfino l’Inquisizione dovette dichiararsi sconfitta: governare i napoletani non è impossibile, è semplicemente inutile.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/01/2011 - Monnezza (Lindo Caprino)

Conclusione dell'articolo perfetta! Napoli è la Calcutta d'Italia.