BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SARAH SCAZZI/ Sabrina Misseri resta in carcere, rigettata la richiesta degli avvocati

Pubblicazione:lunedì 31 gennaio 2011

Una lettera con cui Michele Misseri scagionava la figlia Sabrina Una lettera con cui Michele Misseri scagionava la figlia Sabrina

SARAH SCAZZI SABRINA MISSERI - Il Tribunale del riesame d'appello di Taranto ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dalla difesa di Sabrina Misseri. La cugina di Sarah Scazzi, la ragazzina scomparsa di casa il 26 agosto dell'anno scorso e ritrovata morta il 7 ottobre, resterà in carcere.

Per il Tribunale, le lettere del padre Michele Misseri che scagionavano la figlia (dopo averla in precedenza accusata dell'omicidio) non sono abbastanza significative, non rappresentano una pista su cui muoversi. Il quadro giudiziario cioè a carico di sabina rimarrebbe intatto, anzi ne uscirebbe rafforzato. A questo proposito, i giudici sottolineano nelle motivazioni che Michele Misseri dice di aver scritto lui quelle lettere, ma non dice se il contenuto corrisponda al suo pensiero.

Il tribunale inoltre ritiene che Sabrina si sia costruito un alibi - riconoscendo anche le recenti tese della procura secondo cui l'omicidio sia avvenuto alle 14 - già alle 14 e 20 di quel 26 agosto.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE AGGIRONAMENTI SUL CASO SARAH SCAZZI


  PAG. SUCC. >