BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FAMIGLIA/ La vita buona di coppia "comincia" da bambini...

Foto: FotoliaFoto: Fotolia

Il  ruolo della scuola è importante a due livelli: sotto il profilo dell’igiene e sul versante della dinamica psicologica della formazione della coppia.
Per quanto riguarda il primo, si tratta di insegnare, meglio se nell’ambito di un corso generale di igiene, perché il sesso non è qualcosa di staccato dall’organismo, come si possono evitare i danni derivati da un errato uso del sesso: malattie sessualmente trasmissibili, gravidanze non desiderate, patologie degli organi della riproduzione che si possono evitare con una adeguata prevenzione.
Sul piano della dinamica della coppia occorre notare che ragazzi e ragazze vivono soltanto apparentemente insieme, perché la loro reciproca conoscenza psicologica è praticamente assente e quando cominciano a vivere l’esperienza di coppia il più delle volte non sanno che cosa passa nella mente dell’altro: ognuno vive il proprio schema relazionale e la propria sessualità secondo il modello del proprio genere femminile o maschile, immaginando che questo vada bene anche per l’altro e ciò può causare le prime incomprensioni.
Da ultimo, alla scuola spetterebbe anche il compito di far conoscere ai giovani quali sono i meccanismi che favoriscono una migliore crescita psico-affettiva dalla tenera età, perché i giovani studenti di oggi possano, quando sarà il loro “turno” di essere genitori, giovare meglio ai loro futuri figli di quanto oggi, forse, non tutti hanno ricevuto. Accanto a questo è compito della famiglia e della scuola orientare i giovani, femmine e maschi, a “rinegoziare i reciproci ruoli” tra i due generi, rispetto a oggi.


Chi desideri proporre temi o domande al professor Mondina può rivolgersi alla nostra redazione

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/01/2011 - figure parentali (Antonio Servadio)

Giusto il "ricupero" del ruolo materno, per le ragioni appena accennate nell'articolo. Doveroso però anche la riesumazione del ruolo paterno, sepolto sotto coltri di dimenticatoio e in qualche misura anche di svalutazione culturale e antropologica.