BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CRISTIANI UCCISI/ Il Papa: "Rispettare le minoranze e convivenza pacifica"

Benedetto XVI esprime profonda tristezza per la strage di cristiani copti avvenuta domenica scorsa in Egitto e chiede pace e rispetto dei diritti delle minoranze

Foto AnsaFoto Ansa

Al termine dell'udienza di oggi in San Pietro, papa Benedetto XVI ha rivolto il suo pensiero ala situazione dei cristiani copti in Egitto, colpiti duramente nei giorni scorsi. Una  manifestazione di protesta al Cairo per una chiesa distrutta è infatti sfociata in violenze: 36 cristiani sono rimasti uccisi e circa duecento feriti dalle armi dell'esercito che era intervenuto dopo scontri tra musulmani e manifestanti. La dinamica degli incidenti non è mai stata del tutto chiarita, si è detto che alcuni provocatori manovrati dal regime militare attualmente al potere in Egitto avessero provocato ad arte le violenze per scatenare la repressione militare. Il Papa nel suo discorso si è detto rattristato per quanto successo e ha espresso la necessità di "salvaguardare la convivenza pacifica tra le diverse comunità del Paese, soprattutto in un momento di transizione". Benedetto XVI ha invitato i fedeli, circa 15mila, presenti in piazza a pregare per la popolazione egiziana: "Sono profondamente rattristato dagli episodi di violenza che sono stati commessi al Cairo domenica scorsa. Mi unisco al dolore delle famiglie delle vittime e dell'intero popolo egiziano, lacerato dai tentativi di minare la coesistenza pacifica fra le sue comunità, che è invece essenziale salvaguardare, soprattutto in questo momento di transizione". Il Papa ha chiesto poi che ci si raccolga in preghiera al fine di chiedere per la società egiziana vera pace, "basata sulla giustizia, sul rispetto della libertà e della dignità di ogni cittadino". Il Pontefice ha detto di sostenere gli sforzi delle autorità egiziane, civili e religiose, "in favore di una società nella quale siano rispettati i diritti umani di tutti, e, in particolare, delle minoranze, a beneficio dell'unità nazionale". Ieri, intanto, a Milano si è assistito a nuove violenze, la prima volta in territorio italiano, tra cristiani e islamici egiziani. Un gruppo di copti infatti si era recato a manifestare in segno di protesta contro la repressione militare davanti al consolato egiziano di via Porpora quando è giunto sul posto un gruppo di islamici egiziani che hanno attaccato il gruppetto e ne è nata una rissa.