BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SARAH SCAZZI/ Parla Sabrina Misseri: Io, innocente come Amanda

Sabrina Misseri come Amanda Knox. E’ proprio lei, accusata insieme alla madre Cosima di aver ucciso la cuginetta Sarah Scazzi, a paragonarsi alla ragazza americana da poco assolta

Foto (Ansa) Foto (Ansa)

Sabrina Misseri come Amanda Knox. E’ proprio lei, accusata insieme alla madre Cosima di aver ucciso la cuginetta Sarah Scazzi, a paragonarsi alla ragazza americana da poco assolta per non aver commesso l’omicidio di Meredith Kercher: «Mi sento come Amanda, sono in carcere da innocente. Ma quattro anni qui dentro non resisto. – ha detto Sabrina Misseri - La televisione, i giornali, mi hanno fatto illudere anche quando è venuta fuori la sentenza, ma io e mia madre siamo ancora in questa cella. Ora invece vogliamo essere messe in libertà, noi non abbiamo ucciso Sarah». Adesso i suoi avvocati sono pronti a presentare al gup Pompeo Carriere un’istanza di scarcerazione per Sabrina, e sembra che faranno lo stesso anche i legali di Cosima. Coloro che però hanno condotto le indagini si dicono sicuri delle loro scelte e «certi del nostro impianto accusatorio», fanno sapere Franco Sebastio, l'aggiunto Pietro Argentino e il sostituto Mariano Buccoliero. Sono soprattutto i testimoni a fare la differenza in tutta questa storia: primo tra tutti, Antonio Petarra, il vvicino che vide più di una volta Sarah Scazzi il giorno in cui venne uccisa: «È lui che ci conferma che la ragazzina arrivò alle 14 a casa di Sabrina Misseri», spiegano i pm. Ha parlato anche Walter Biscotti, avvocato di Concetta Scazzi, la mamma di Sarah: «Sono convinto - ha detto - che la verità su questo caso verrà fuori dal dibattimento nell'aula del processo, in quanto sappiamo che la bambina è entrata viva ed è uscita morta da quella casa in cui tra l'appartamento e il garage c'erano tre persone». Adesso si attende anche per la decisione della Corte dopo la richiesta degli avvocati di Sabrina Misseri,  Nicola Marseglia e Franco Coppi, di spostare a Potenza il processo, lontano da Taranto, il cui ambiente, secondo i difensori, sarebbe troppo pieno di pregiudizi, che non darebbero la possibilità alla giovane Sabrina di affrontare un processo completamente equo e giusto. Alcuni testimoni infatti secondo la difesa avrebbero subito pressioni e condizionamenti dovuti al clima che si respira.