BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MELANIA REA/ Il fratello Michele: "Da Salvatore Parolisi mi aspetto di tutto"

Pubblicazione:giovedì 13 ottobre 2011 - Ultimo aggiornamento:giovedì 13 ottobre 2011, 17.06

La mamma di Melania Rea, foto Ansa La mamma di Melania Rea, foto Ansa

Michele, fratello di Melania Rea, la donna assassinata lo scorso 18 aprile con numerose coltellate e del cui omicidio l'unico sospettato è il marito Salvatore Parolisi, ha rilasciato oggi alcune dichiarazioni alla stampa. Lo ha fatto in occasione dell'incontro che stamane per alcune ore la madre Vittoria Garofalo ha avuto con gli inquirenti che indagano sulla morte della figlia. La donna è stata sentita come persona informata sui fatti. L'incontro si è svolto nel palazzo della procura di Teramo anche se in un primo momento si era detto si dovesse tenere nella caserma dei carabinieri,  notizia che aveva destato qualche curiosità, ma era solo per evitare la presenza di troppi giornalisti. Al momento non si sa cosa sia trapelato dall'incontro fra la donna e i pubblici ministeri. Alla sua uscita, la donna si è lasciata andare a un pianto dirotto nelle braccia del figlio e del cognato Gennaro, dicendo solamente di essere molto stanca. Secondo il figlio Michele l'argomento dell'incontro con i pm potrebbe essere stato il contenuto dell'ultima telefonata di Melania alla madre: le avrebbe detto che stava bene e che più tardi sarebbe andata a fare una passeggiata a San Marco con la figlia e il marito. In attesa fuori dell'edificio il figlio Michele ha rilasciato alcune parole con i giornalisti presenti, dicendo che a questo punto lui da Salvatore Parolisi si aspetta di tutto, visto quello che fino a oggi ha detto. E' una persona, ha spiegato, che ha detto molte bugie in momenti tragici, è evidentemente una persona capace di tutto. Alla domanda che cosa gli avesse fatto più male del comportamento del marito di sua sorella Melania, ha risposto che ogni cosa fatta dall'uomo gli ha procurato del male. Il fatto che in quei primi terribili momenti fosse rimasto sempre freddo lo aveva fatto credere che fosse il suo modo di reagire al dolore; pensando a ritroso, aggiunge, pensa invece che stesse nascondendo quanto aveva fatto veramente. Quando gli è stato chiesto che cosa chiederebbe al Parolisi, Michele Rea ha risposto: "Che c'è da dire? Puoi chiedergli di confessare, di dire come stanno le cose. Confessare può dire tutto, può dire cosa sa, che è stato lui, chi è stato, l'importante è che dica la verità". Domenica prossima sarà una giornata molto difficile per i parenti di Melania: è infatti il compleanno della piccola figlia di Melania e di salvatore Parolisi che compie 2 anni. 


  PAG. SUCC. >