BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Oggi si celebra il beato Giovanni Paolo II: il suo grido “Non abbiate paura!” ha segnato la storia

Pubblicazione:

Giovanni Paolo II (Ansa)  Giovanni Paolo II (Ansa)

Santo del giorno: oggi si celebra il beato Giovanni Paolo II - Oggi la Chiesa celebra la memoria liturgica del beato Giovanni Paolo II, papa. “Santo subito” invocava la gente commossa all’indomani della sua morte nel 2005, che poneva fine a uno dei pontificati più lunghi della storia, a una malattia che egli non aveva voluto celare, a una presenza che tutto il mondo aveva riconosciuto con sorpresa unanime.
Karol Wojtyla nacque nel 1920 a Wadowice in Polonia. Ordinato sacerdote e compiuti gli studi di teologia a Roma, ritornò in patria dove ricoprì vari incarichi pastorali e universitari. Nominato Vescovo ausiliare di Cracovia, poi nel 1964 Arcivescovo, prese parte al Concilio Ecumenico Vaticano II. Divenuto papa il 16 ottobre 1978 con il nome di Giovanni Paolo II, fu sollecito pastore delle famiglie, dei giovani e dei malati, compì innumerevoli visite pastorali in tutto il mondo; i frutti più significativi lasciati in eredità alla Chiesa, tra molti altri, sono il suo ricchissimo Magistero e la promulgazione del Catechismo della Chiesa Cattolica e dei Codici di Diritto Canonico per la Chiesa latina e le Chiese Orientali. Morì a Roma il 2 aprile 2005, alla vigilia della II domenica di Pasqua o della divina misericordia.
L’ufficio delle letture dalla liturgia prescrive la meditazione dell’indimenticabile omelia per l’inizio del pontificato, di cui riproduciamo la parte finale: “Il nostro tempo ci invita, ci spinge, ci obbliga a guardare il Signore e ad immergerci in una umile e devota meditazione del mistero della suprema potestà dello stesso Cristo. La potestà assoluta e pure dolce e soave del Signore risponde a tutto il profondo dell’uomo, alle sue più elevate aspirazioni di intelletto, di volontà, di cuore. Essa non parla con un linguaggio di forza, ma si esprime nella carità e nella verità. Il nuovo Successore di Pietro nella Sede di Roma eleva oggi una fervente, umile, fiduciosa preghiera: «O Cristo! Fa’ che io possa diventare ed essere servitore della tua unica potestà! Servitore della tua dolce potestà! Servitore della tua potestà che non conosce il tramonto! Fa’ che io possa essere un servo! Anzi, servo dei tuoi servi».


  PAG. SUCC. >