BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

DOCUMENTO CL/ Sapelli: perché continuiamo a sperare nel cambiamento?

Foto: ImagoeconomicaFoto: Imagoeconomica

Per questo mi riconosco nella sostanza ispiratrice del documento di Cl sulla crisi, al di là di qualche dissenso sulle misure concrete (per esempio, non selezioniamo nessuna azienda che non sappia autoselezionarsi da sé...).

La crisi è terribile per le sofferenze che porta agli ultimi e deve essere denunciata con fermezza quella quantità di concause che l’hanno generata e che risiedono nel comportamento umano. Certo senza manicheismi, ma con fermezza: i giusti esistono, come esistono i malvagi. E una delle concause della crisi è la scomparsa da molti anni, nel mondo, del senso di giustizia. Ci volevano le parole dell’ultimo grande intellettuale dell’Occidente, il Santo Padre, per richiamarci ai doveri morali della giustizia.

Quindi, dalla crisi si uscirà tra molto tempo e molti dolori solo contando sulle forza associate della persona. Associazione vuol dire condividere spiritualità e doveri, vuol dire donare, cooperare per amare nella vita di ogni giorno operando perché dal cuore stesso della società illuminata dalla cultura il lavoro rinasca, così da santificarlo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
27/10/2011 - Senso di Giustizia.... (Mariano Belli)

Bellissimo articolo....il mio nick non è casuale, nasceva dalla constatazione che la Giustizia è da tempo scomparsa dalla vita quotidiana del nostro Paese e dai cuori di molti, ma anche dal desiderio (e come incitamento) che non sia più la rassegnazione a prevalere, ma che la coscienza e la dignità delle persone si ridestino e vivano attivamente nel quotidiano di ciascuno di noi.... (Ora che finalmente vedo sempre più spesso emergere i veri problemi e la giusta critica negli articoli di questo sito, da adesso il mio nick potrà cambiare...)