BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MARCO SIMONCELLI/ SuperSic parla dei suoi genitori: "Ci pensa la famiglia a tenermi caldo"

Nella sua biografia uscita due anni fa, Marco Simoncelli parlava del padre Paolo e della madre Rossella. Il ritratto di una famiglia, forte, unita. Il ricordo della fidanzata

Foto Ansa Foto Ansa

MARCO SIMONCELLI: COSI' PARLAVA DEL PADRE E DELLA MAMMA - Una famiglia straordinaria, quella di Marco Simoncelli. Lo si è potuto capire dal modo in cui il padre Paolo e la mamma Rossella stanno vivendo questa tragedia, questo dolore immenso. Massima compostezza, nessuna parola fuori luogo, disponibilità con tutti, la capacità incredibile di consolare loro gli altri e a invitarli a non piangere. A Matrix, qualche sera fa, la mamma Rossella ha detto una cosa davvero speciale, ricordando il figlio. Ha detto che il loro compito adesso è mantenere vivo il figlio, cercando di vivere al meglio. Per lui e per la sorella Martina. E poi: "Sono contenta di essere sua madre, il suo chiasso ci mancherà, in casa si sentiva molto”. Paolo Simoncelli era lì, sul luogo della morte del figlio, ad aiutare i soccorritori; la madre Rossella era a casa a seguire la corsa in televisione, ha così visto morire il figlio in diretta. Appena capito cosa era successo, è uscita nel giardino di casa coprendosi gli occhi, attonita. Stavano già cominciando ad arrivare i primi cronisti e i carabinieri per proteggere l'abitazione dai curiosi. Lei ha mormorato solo: adesso no, andate via (INCIDENTE SIMONCELLI/ Cari genitori di Sic, sappiate che nulla va perduto…). In casa c'era anche la sorellina più piccola di Marco, Martina, 13 anni, che è corsa a chiudersi in camera sua. Una famiglia forte, e Marco Simoncelli conosceva bene quella forza (INCIDENTE SIMONCELLI/ Un'overdose di retorica spezzata dalla semplicità di un papà e una mamma). Nella sua ultima intervista rilasciata a uno scrittore per un libro, aveva detto: "Mi sento solo? No! No! C'è la mia famiglia, la mia morosa. Mi tengono al caldo". La sua morosa, Kate Freddi, con cui stavano progettando di andare a vivere insieme. Per Kate, come ha detto in questi giorni, il difficile comincerà stasera, dopo i funerale, quando si ritroveranno da soli. Al programma Matrix ha detto che con il dolore ci può solo convivere e se all'inizio pensava di non farcela, adesso comincia a pensare che forse ce la potrà fare. Ha raccontato di essere andata nella casa che stavano preparando per andarci a vivere insieme e ha provato a parlare con lui, con Marco: "Mi avevi detto che non ci saremmo mai lasciati, invece ti sei sbagliato". In altre interviste Kate ha raccontato di come si erano conosciuti, al mare, a Riccione, e di come lui corresse da lei in provincia di Bergamo appena possibile. Era abituata a stare senza di lui anche due settimane quando paritva per le gare, adesso si domanda cosa le succederà quando saranno passate due settimane dalla sua morte e non potrà rivederlo.