BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERDETTO CASO MEREDITH/ La sentenza alle 20 di stasera. Amanda: "Sono innocente" (video)

Pubblicazione:lunedì 3 ottobre 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Tra mille polemiche il processo per l'omicidio di Meredith Kercher si avvia alle ultime battute. Per le 20 di stasera infatti è atteso il verdetto della giuria, che si è ritirata a deliberare proprio adesso, dopo l'apertura dell'ultima udienza del nuovo processo che vede imputati l'americana Amanda Knox e l'italiano Raffaele Sollecito. L'attesa mediatica fuori delle porte del tribunale di Perugia è inverosimile: ci sono le televisioni di tutto il mondo, oltre 400 giornalisti si sono accreditati e i media americani sono presenti in modo massiccio. Proprio contro i media statunitensi ci sono state le polemiche maggiori negli ultimi giorni, per via del loro aperto sostengo nei confronti di Amanda Knox, definita vittima della giustizia italiana ed innocente. E innocente si è dichiarata la ragazza di Seattle stamattina, nel suo breve discorso alla giuria, detto fra le lacrime: "Ho paura, in questi quattro anni ho perso un'amica e la libertà, Sono la stessa persona di quattro anni fa. L'unica cosa che mi distingue da allora è quello che ho sofferto. In questi anni ho perso un'amica nel modo più brutale e inspiegabile. La mia fiducia nell'autorità della polizia è stata tradita. Ho dovuto affrontare accuse assolutamente ingiuste, senza fondamento. Sto pagando con la mia vita per cose che non ho commesso". Amanda ha quindi aggiunto di aver sempre chiesto giustizia per Meredith e di non essere mai fuggita dalla verità. "Chiedo giustizia, noi siamo innocenti. Voglio tornare a casa, alla mia vita, non voglio essere punita, privata della mia vita e del mio futuro per qualcosa che non ho fatto. Ho tantissimo rispetto per questa Corte, e della cura che ha avuto in questo processo, e per questo chiedo giustizia" ha concluso la ragazza americana.Ha preso la parola anche Raffaele Sollecito che ha detto di non aver mai accusato Amanda. Ha quindi ricordato quel terribile gironi, dicendo che si trovava in una situazione bellissima, idilliaca per certi punti di vista. "Stavo per discutere la mia tesi di laurea che avevo preparato. Avevo conosciuto poco prima Amanda Knox, una ragazza bella, solare, vivace e dolce. Era il primo fine settimana che noi dovevamo trascorrere insieme. L'unico nostro interesse era passare una serata di tenerezze e coccole. Era il nostro unico desiderio".


  PAG. SUCC. >