BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

OMICIDIO CONSIGLIERE COMUNALE/ Samo: Vincenzo Sgabellone, ucciso a colpi di pistola

Ucciso a colpi di arma da fuoco un consigliere comunale di Samo, in provincia di Reggio Calabria, nell'Aspromonte. In passato aveva avuto problemi giudiziari

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Un consigliere comunale, Vincenzo Sgabellone, eletto due anni fa nella lista civica Pace, libertà e progresso, nel comune di Samo in provincia di Reggio Calabria, è stato ritrovato assassinato. Il giovane, 31 anni, è stato rinvenuto ucciso a colpi di arma da fuoco in località Scorzi, in campagna. Poco vicino c'era la sua automobile che era stata data alle fiamme. La macchina era intestata al padre. Sgabellone, che di lavoro faceva il contadino, era noto alle autorità per fatti di malavita, piccoli reati come possesso di armi da fuoco non denunciate. Secondo gli inquirenti sarebbe stato ucciso nel corso di un agguato. Lo si stava cercando da sabato sera, lo hanno trovato stamane setacciando il territorio. Anche il padre, Salvatore Sgabellone di 54 anni, è conosciuto dalle forze dell'ordine. Sebbene al momento non si possa dire se il giovane sia stato ucciso perché coinvolto con associazioni mafiose o altre attività della malavita, le autorità non escludono alcuna pista. Si sta indagando infatti sulle sue conoscenze e sul suo passato. Si segue anche la pista di possibili rivelazioni inerenti proprio la malavita locale che il politico forse aveva intenzione di rendere pubbliche. Originario di Locri, centro calabrese spesso all'onore delle cronache per le attività criminali, Sgabellone era consigliere di maggioranza al comune di Samo. Il cadavere dell'uomo era steso a bocconi in piena campagna. Poco vicino c'era la sua Mitzubishi, in realtà intestata al padre Salvatore, completamente distrutta dalle fiamme. Stanno indagando carabinieri e sezione investigazioni scientifiche. Le indagini, hanno detto i militari, si svolgono a 360 gradi senza escludere alcuna pista e il movente è in corso di accertamento. Per ucciderlo è stata usata una pistola calibro 7 e 65. Samo si trova in pieno Aspromonte, località anch eturistica, tanto da essere nota con l'appellativo di Perla dell'Aspromonte. L'uomo era sparito da ieri sera ed erano subito cominciate le ricerche. E' probabile che sia stato attirato con l'inganno a un appuntamento di cui si fidava ed eliminato immediatamente. Per far sparire eventuali tracce è poi stata ata alle fiamme anche la sua vettura.

© Riproduzione Riservata.