BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

MELANIA REA/ Si stringe il cerchio attorno a Salvatore Parolisi?

Salvatore Parolisi, foto AnsaSalvatore Parolisi, foto Ansa

Con questo e altri sospetti fortemente indiziari, si è adesso giunti a una nuova scoperta. I carabinieri della Procura di Teramo, secondo quanto ha rivelato il settimanale Oggi, avrebbero trovato poco lontano dal luogo del delitto, nascosti tra dei ruderi nel bosco, un fagotto. Dentro, degli abiti  di tipo militare con tracce che sarebbero state definite interessanti. Che Parolisi, o l'assassino, si siano cambiati d'abito dopo il delitto e li abbiano gettati in quel posto? Il fatto che siano di foggia militare ovviamente destano i sospetti più grandi. Infatti gli inquirenti hanno già chiesto alla caserma dove Parolisi svolgeva il suo lavoro di indagare per vedere se nell'inventario del caporal maggiore manchi qualche indumento. Ma non solo questo. Anzi. Il ritrovamento si collegherebbe con una richiesta fatta dalla Procura  di esaminare tutto l'abbigliamento a disposizione dell'uomo. Si pensa infatti che abbia fatto sparire i vestiti che avrebbe indossato durante l'omicidio e il ritrovamento nel bosco potrebbe essere l'anello mancante. Si pensa infatti che gli indumenti indossati quel giorno sul Colle quando ha dato l'allarme fossero troppo leggeri per il clima invece freddo di quel periodo. C'è anche un altro fatto: i vicini di casa del Parolisi dicono che nella notte fra il 18 e il 19 aprile lo hanno sentito far andare in piena notte la lavatrice. Un fatto evidentemente sospetto. Gli ultimi due aggiornamenti del caso. Il cellulare di Melania, un Samsung SGH-F480, su cui si sono fatte molte ipotesi a proposito dell'agganciamento delle cellule di zona, secondo l'accusa ha agganciato solo la cellula della zona dove Melania si trovava prima di essere uccisa.