BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAGAZZA AMERICANA SCOMPARSA/ Allison Owens, spunta l'ipotesi del pirata della strada

Pubblicazione:mercoledì 5 ottobre 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Potrebbe esser stato un pirata della strada ad uccidere Allison Owens, la ragazza di 23 anni, venuta in Italia per trovar lavoro come guida turistica, ritrovata cadavere. La giovane, scomparsa domenica pomeriggio dall’abitazione di San Giovanni Valdarno, in provincia di Arezzo, dove stava con alcuni amici, è stata ritrovata priva di via in un canale nei pressi del quartiere delle Fornaci, vicino ad un supermercato Lidl, sulla strada statale che unisce San Giovanni a Montevarchi. A far pensare al pirata della strada, il fatto che alcuni testimoni raccontano di aver udito, il giorno della scomparsa, delle grida successivamente ad una sgommata. Si propende anche per l’ipotesi di incidente simulato. «Non ci sono tracce di frenate improvvise ma su questo semmai la Scientifica potrà fare chiarezza. Ma ci sembra impensabile che qualcuno sia venuto qua a scaraventare un cadavere nel canale», ha dichiarato il colonnello dei carabinieri Antonio Frassinetto. Anche le altre piste restano aperte. Non si esclude, ad esempio, l’omicidio e il tentato sequestro. Intanto, sta giungendo sul posto la madre. E’ arrivata stamattina all’aeroporto di Peretola.

Secondo le testimonianze, la guida 23enne era uscita dall’abitazione degli amici, dove stava attendendo l’arrivo del suo fidanzato, per andare a correre. Era uscita attorno alle 16, con indosso una maglietta, dei pantaloncini e le sneaker. Allison, che lavorava presso la backroads.com, azienda specializzata in escursioni in mountain bike nel cuore della Toscana, dopo aver attraversato la strada era entrata in un piccolo tunnel. Si era diretta in una zona densa di rovi e sterpaglia battuta, inizialmente, palmo a palmo dai ricercatori. Tra questi, hanno preso parte alle operazioni anche un un battaglione di paracadutisti, il primo reggimento parà di Tuscania. Tuttavia, in questa zone, i cani non avevano fiutato la sua presenza. A destare l’apprensione delle coinquiline, il fatto che non fosse rincasata per cena, nonostante non avesse detto che avrebbe mangiato fuori. Era, inoltre, uscita lasciando nell’appartamento di Via Dugno tutti gli effetti personali, compresi portafoglio, documenti e cellulare.


  PAG. SUCC. >