BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ABORTO/ Il problema della legge 194 è davvero l'obiezione di coscienza?

Una operazione chirurgica (Immagine Fotolia)Una operazione chirurgica (Immagine Fotolia)

Una postilla: così come posta nel dibattito attuale, la questione pare si riduca a un conflitto fra diritti e in una compressione della libertà di scelta della donna. Sarebbe invece interessante interrogarsi sul senso di un così diffuso malessere della classe medica di fronte agli aborti tardivi e chiedersi come mai tanti medici, quindi persone che hanno a che fare tutti i giorni con la salute e con la vita dei pazienti, decidano di fare un passo indietro per non rendersi protagonisti o partecipi di una scelta drammatica, quella  di interrompere, con la gravidanza, anche una debole vita nascente.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/11/2011 - aborto (maria gonano)

Sono d'accordo con la Prof.Violini ; i medici in Italia sono stufi di ammazzare la gente con l'aborto: Non è un discorso culturale si tratta di diritti umani: Leo Aletti ginecologo.