BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO RUBY/ I festini di Arcore: le ragazze coinvolte sono parti offese

Riaperto il processo contro Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Mintetti, accusati di sfruttamento della prostituzione. Le 29 ragazze coinvolte sono state dichiarate parti offese

Foto Ansa Foto Ansa

Secondo l'ordinanza della quinta sezione penale del Tribunale di Milano tutte le 29 ragazze coinvolte in un modo o nell'altro nei presunti festini di Villa Arcore, residenza dell'ex capo del governo Silvio Berlusconi, e che non hanno fatto richiesta di essere parte civile sono da considerarsi parti offese. Il provvedimento deciso dalla sezione penale con presidente Anna Maria Gatto, fa riferimento  a un concetto, rilasciato dalla nuova giurisprudenza, in cui le sospette vittime di sfruttamento della prostituzione vengono automaticamente considerate parte offesa. Ciò in base a quello che viene considerato "tutela della libertà della persona umana". Per l'avvocato Patrizia Bugnano, legale di Chiara Danese, ex miss Piemonte che nel processo si è costituita parte civile, si tratta di un provvedimento destinato a fare storia. Non è invece d'accordo l'avvocato di Nicole Minetti: intende infatti opporsi alla decisione. La decisione giudiziaria è stata letta oggi in aula durante la riapertura del processo che si occupa del giudizio relativo a Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. I tre non si sono presentati  in aula. L'udienza è stata quindi rinviata al prossimo 20 gennaio 2012. Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti sono accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione, nel caso di Ruby anche di sfruttamento della prostituzione minorile. Sarebbero state secondo l'accusa le persone responsabili di reclutare le ragazze da portare poi alle cene a casa di Silvio Berlusconi. In tutto trentadue ragazze, ma tre di loro si erano già dichiarate in precedenza parte civile. Per l'avvocato difensore di Lele Mora,l e condizioni gravi di salute del talent scout che, come dice lo stesso legale, non sarebbe presente a se stesso, non permettono di costruire una difesa adeguata in un procedimento di tale importanza. Mora infatti non sarebbe in grado di fornire sufficienti particolari per approntare una riflessione e una difesa adeguata alle accuse che gli sono mosse. In particolare, poi, Chiara Danese e Ambra Battilana, come hanno comunicato i loro avvocati, non si sono dichiarate parte civile per ottenere dei soldi, ma solo per difendere la propria onorabilità.