BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 22 novembre, è Santa Cecilia, patrona dei musicisti

Pubblicazione:

Tutti i Santi  Tutti i Santi

SANTO DEL GIORNO: 22 NOVEMBRE, SANTA CECILIA - Oggi la Chiesa cattolica celebra Santa Cecilia, patrona della musica, dei musicisti e dei cantanti. Cecilia, morta martire nel terzo secolo, era romana, di famiglia nobile e sposò un altrettanto nobile personaggio, Valeriano. Al quale confidò, tuttavia, solamente la prima notte di nozze il suo voto perpetuo di castità: «Nessuna mano profana può toccarmi, perché un angelo mi protegge. Se tu mi rispetterai, egli ti amerà, come ama me», disse Cecilia al marito. Il quale, invece di prendersela a male come sarebbe stato prevedibile, accettò la sua scelta e, oltretutto, si convertì al cristianesimo mentre, in seguito, si convertì anche suo fratello, Triburzio. Cecilia e Valeriano divennero aiutanti del Papa Urbano I.

A quei tempi, le persecuzioni contro i cristiani infuriavano ancora in città, i coniugi dovettero soffrire il martirio. Cecilia, dopo essere stata incarcerata, torturata, ma non aver perduto la fede, venne decapita. Tuttavia, la spada non riuscì a scalfirne la testa che rimase intatta e le fu consentito di realizzare il suo ultimo desiderio, ovvero quello di vedere per l’ultima volta il Papa, prima di morire. Benché gli elementi relativi alla verità storica della narrazione della sua vita siano incerti, alcuni particolari significativi lasciano pensare che la santa sia realmente esistita e che realmente abbia patito il martirio.

Tra coloro che danno il titolo alla basiliche romane, è stata l’unica che non è stata soppressa dal calendario ufficiale delle Chiesa. Gli altri, infatti, sebbene fossero persone pie, che avevano donato le basiliche, non si poteva – una volta accertata l’evidenza storica – sostenere che fossero martiri o difensori della fede. Due circostanze, in particolare, sono eloquenti in merito all’attendibilità del suo martirio. Anzitutto, il suo culto è antichissimo, e risale a molto prima del 313, quando l’imperatore Costantino pose fine all’era delle persecuzioni. Inoltre, fu sepolta nelle Catacombe di San Callisto, accanto alla cosiddetta "Cripta dei Papi". Papa Pasquale I, grande devoto della Santa, decise di farne trasferire il corpo nella basilica a lei dedicata.



  PAG. SUCC. >