BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ALLUVIONE GENOVA/ Straripato lo Sturla, città allagata (video)

Genova sotto l'alluvione. Straripato il torrente Sturla, intervengono i vigili del fuoco con gommoni e sommozzatori. Problemi anche nel Levante: evacuato asilo nido a Recco

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Adesso tocca a Genova. Il capoluogo ligure sta subendo una nuova alluvione, dopo quella toccata circa una settimana fa alle Cinque Terra (dove è comunque alto il livello di allarme e dove le popolazioni di Monterosso e Vernazza sono state parzialmente evacuate). Ma è a Genova adesso la situazione più allarmante. Da poco infatti è straripato il torrente Sturla provocando ingenti problemi, mentre è al limite dello straripamento anche il Bisagno. Piove fortissimo da inizio mattinata. E' stato dichiarato lo stato di emergenza che durerà almeno 48 ore, fino a domenica. Problemi anche nel Levante dove è istituito il livello di allarme due della protezione civile: il torrente Recco nell'omonima cittadina rischia l'esondazione. Evacuato per precauzione l'asilo comunale. Problemi anche nella città di Rapallo. A Genova intanto si denunciano allagamenti nei quartieri di Nervi (anche nella vicina città di Camogli) dove i tombini sono tutti bloccati e non riescono più a smaltire le acque in eccesso. Problemi anche in centro, in corso Europa e e corso Torino dove è stato necessario chiudere un sottopassaggio. La via Aurelia è stata chiusa a Genova Quarto, all'altezza di via V Maggio. Nelle zone vicino al torrente Sturla sono dovuti intervenire i vigili del fuoco con gommoni e sommozzatori per portare in salvo diverse persone rimaste chiuse dentro a negozi e magazzini. Secondo l'assessore regionale Briano, il Bisagno ha invece spazzato via un cantiere dove si lavorava proprio al contenimento del torrente stesso. Problemi all'aeroporto di Genova dove diversi voli sono stati dirottati su altri scali per via del forte vento. Meglio la situazione nello spezzino dove al momento non piove più e il livello dei fiumi è basso. Un migliaio di abitanti della provincia era stato fatto evacuare ieri per precauzione, molti di essi sono stati trasferiti nel palazzotto dello sport di La Spezia. Chiusi per sicurezza i caselli di Brugnato e diversi punti della via Aurelia per paura di nuove frane come accaduto la scorsa settimana. Anche qui comunque rimane lo stato di allerta proclamato fino a domenica.