BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INCIDENTE/ Ragazzino di 12 anni muore travolto dal tram

Pubblicazione:domenica 6 novembre 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Un ragazzino di 12 anni, Giacomo Scalmani, ieri sera, ha perso la vita in un fatale incidente. Stava andando in bicicletta, assieme alla mamma, una donna di48 anni, che lo stava seguendo quando, per una serie di circostanze fatali è finito sotto le ruote di un tram. Stava ritornando a casa, dopo esser stato in un oratorio non distante da dove viveva. Per rientrare, gli mancava ancora un chilometro circa.  La strada, via Solari, lungo il tragitto compiuto dalla linea 14, era sdrucciolevole a causa della pioggia. Secondo la ricostruzione dell’Atm, stava procedendo parallelamente al tram, quando si è trovato all’improvviso di fronte la portiera di un’auto. Chi era al suo interno, l’aveva aperta, probabilmente, non accorgendosi che il piccolo stava sopraggiungendo. Per evitarla, ha sbandato di colpo. Non è più riuscito a controllare il mezzo ed è scivolato finendo sulle rotaie dove è stato travolto, all’altezza del civico 33. L’autista  non sarebbe stato nelle condizioni di poter fare alcunché per evitare la tragedia, dato che era troppo tardi per poter frenare. Dopo la fatalità il conducente è stato ricoverato in ospedale in stato di choc. Leggermente diversa la dinamica che starebbe emergendo in seguito alle indagini del Reparto radiomobile della polizia locale. Giacomo non avrebbe sbandato nel tentavo di schivare la portiera, ma ne sarebbe stato colpito in pieno mentre i passeggeri stavano scendendo. La sportellata lo avrebbe, quindi, scaraventato sulle rotaie. Sarebbe stato disarcionato dalla sua bici - che è rimasta nella carreggiata riservata ai mezzi pubblici, senza un graffio -, e cadendo sarebbe rotolato sino a finire sotto le ruote. Il conducente dell’auto pare che si fosse fermato in una zona dove la sosta era vietata. La sua auto, inoltre, sembra che fosse priva dello specchietto retrovisore. Tuttavia non sarebbe stato lui ad aprire la portiera, ma il passeggero dietro che non si sarebbe accorto del sopraggiungere né del tram né del ragazzino. Ha contribuito alla difficoltà di visuale il fatto che la bici non aveva fanalini e per il fatto, inoltre, che pioveva.


  PAG. SUCC. >