BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ALLUVIONE GENOVA/ I funerali delle vittime, la fine dell'emergenza (video)

I funerali delle vittime dell'alluvione di Genova. Stanziati 288 milioni di euro per la ricostruzione delle zone più colpite dal maltempo, Genova e le Cinque Terre

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Mentre a Genova finalmente si chiude lo stato di emergenza e di allarme durato in pratica dal giorno dell'alluvione di venerdì scorso, si celebrano anche alcuni dei funerali delle sei vittime. Uno era già stato celebrato lunedì, mentre altri due erano previsti per ieri, ma le nuove violente precipitazioni cadute sul capoluogo ligure in mattinata avevano costretto a sospenderli per timore di nuove esondazioni. Che non si sono verificate e ieri verso le 18 lo stato di allarme è stato abbassato a livello uno e stamane alle otto finalmente sospeso. Adesso resta la ricostruzione di una città devastata e il pianto per le vittime. Oggi infatti si sono tenuti due funerali, quello della ragazza di 19 anni Serena Costa, e quello di Evelina Pietranera, 50 anni. Serena è rimasta uccisa da un'onda del torrente Fereggiano in piena mentre accompagnava a casa il fratello di 14 anni, Simone, che la ragazza era andata a prendere a scuola. La signora Evelina è invece rimasta travolta dalle acque mentre si recava a dare il cambio all'edicola di famiglia al marito. Il funerale di Serena è stato celebrato in forma strettamente privata, senza cioè alcun rappresentante delle istituzioni, per volere della famiglia. Serena è stata ricordata dalle amiche che con lei frequentavano la scuola di danza e dal fidanzato Simone. Intanto le autorità regionali annunciano l'arrivo di 288,51 milioni di euro prelevati dal Fondo aree sottoutilizzate di cui circa 30 milioni verranno utilizzati per intervenire nelle zone di più colpite dall'alluvione. Si tratta ovviamente di Genova e delle Cinque Terre. Secondo il presidente della Regione Liguria in provincia di La Spezia ci sarebbero più di 250 chilometri di strade da rifare. Allarme maltempo rientrato dunque (da domani saranno anche riaperte tutte le scuole), mentre prosegue la violenta mareggiata che da un paio di giorni ha colpito il Levante, specialmente le città di Riva Trigoso e di Lavagna, procurando notevoli danni. Problemi anche sulla via Aurelia tra Albissola e Savona: una frana è caduta all'incrocio per l'ospedale San Paolo mentre un'altra frana è stata segnalata tra Celle Ligure e Varazze.