BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIORGIO BOCCA/ Brambilla: vi racconto la fede di quell’"eretico" di sinistra

Pubblicazione:martedì 27 dicembre 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Fascista, poi partigiano, per il resto della vita di sinistra, anche nella fase in cui fu a libro di paga di Berlusconi, realizzando per le sue televisioni svariati programmi. Dopo questa esperienza, tuttavia, ne divenne tra i più strenui detrattori; fu, inoltre, tra i fondatori di Repubblica, mostrò – inizialmente – ammirazione per Craxi e, in seguito, profonda disistima, la stessa parabola osservata per la Lega Nord: questi, in estrema sintesi, alcuni tra i connotati che maggiormente hanno scandito la personalità e la vita di Giorgio Bocca. Michele Brambilla ci parla del giornalista e scrittore scomparso, a 91 anni, il giorno di Natale.  

Che ricordo ha di Giorgio Bocca?

Quando, per scrivere L’Eskimo in redazione, analizzai i giornali italiani per capire le posizioni dei giornalisti di sinistra sul terrorismo degli anni 70, notai che Giorgio Bocca era tra coloro che, all’inizio, non avevano creduto alla Brigate Rosse. Sul Giorno scrisse, infatti, un articolo intitolato “L’eterna favola delle Brigate Rosse”. Era tra quelli convinti di una tesi, all’epoca, molto diffusa; ovvero, che le Br fossero costituite da poliziotti, agenti dei servizi e fascisti mascherati.

E poi?

A differenza della maggior parte dei colleghi convinti di tale teoria, riconobbe l’errore e fece ammenda. Scrisse, nelle seconda metà degli anni ’70, una serie di articoli in cui ammise che, sulle Br, non si era capito nulla. Il che gli fece molto onore. 

Questo cosa dimostra?

La sua profonda libertà interiore. Pur essendo un giornalista schierato, non era servo di nessuno, non doveva difendere alcuno a priori. Era un giornalista che raccontava quello che vedeva, secondo la sua interpretazione, pronto a riconoscere, laddove se ne fosse accorto, l’errore.  

Fu così anche per l’omicidio Calabresi.

Esatto, capì che firmare contro Calabresi fu un grave errore. Del resto, va anche detto che, all’epoca, spesso, le firme venivano raccolte in maniera approssimativa e affrettata.  

Lei lo ha mai conosciuto?

L’ho incontrato alcune volte. Una di queste, in particolare, gli feci un’intervista uscita su Gente che cerca (ed. Ancora), in cui parlava del suo rapporto con la fede.  

Cosa ne emerse?


  PAG. SUCC. >