BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AF/ Tra i colori, i profumi e i sapori del Natale,il senso vero della festa

Pubblicazione:

Gli auguri di Natale con la vignetta di Clericetti  Gli auguri di Natale con la vignetta di Clericetti

Dicono che ci siano meno luci in questo Natale e in effetti un po' di austerity la si avverte, ma il Natale è indissolubilmente legato ai colori. Quanto abbiamo bisogno dei colori (ma anche degli odori) per ritrovare dei punti di riferimento? Leggo e rileggo, nello stand del padiglione 4 dell'Artigiano in Fiera, il libro di cui vado più orgoglioso: Adesso, 366 giorni da vivere con gusto. E in un giorno di dicembre mi sovviene la pillola sulle piante di Natale e sul simbolo dei colori.

“Molte tradizioni 'verdi' legate al Natale e all’anno nuovo sovrappongono una lettura cristiana a un originario significato magico: come il melograno, che già presso i Greci era simbolo di fertilità, piantato da Venere nell’isola di Cipro. Secondo i Celti bastava gettare qualche foglia d’agrifoglio addosso a belve feroci e cani rabbiosi per ammansirli all’istante; a Roma questo sempreverde era sacro al dio Saturno e veniva utilizzato durante i Saturnali come simbolo di salute e felicità. Per i cristiani, invece, le sue foglie spinose simboleggiano la corona di spine mentre le bacche rosse rappresentano il sangue di Cristo nella Passione. Quanto al ginepro, Greci e Romani ne bruciavano il legno odoroso come un incenso, anche per scacciare i serpenti, e il succo di foglie e bacche era considerato un toccasana contro i morsi delle vipere. Una simbologia che è stata mantenuta nella tradizione cristiana: il serpente è il diavolo, il ginepro è Gesù, e il succo delle bacche è la confessione”.

Be', è bello recuperare il senso dei simboli della festa più cara dell'anno e ci vuole proprio la casualità di un libro come questo, da sfogliare insieme in famiglia, perché internet non ci dà il criterio di giudizio per cercare con gusto un'informazione. Quest'anno lo avranno in casa circa 20mila persone, che sono tante per un editore piccolo e tanto poche per il valore di un libro che è ricco e bello, compagno quotidiano di ogni mattina e sera quando si esce e si torna a casa. Voi direte che “ogni scarrafone è bello a mamma sua”, ma questo libro mi strugge al pensiero che potrà portare bagliori di gusto in quel mondo speciale che è una famiglia nella sua casa.


  PAG. SUCC. >