BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

HACKER/ Night Dragon colpisce 12 colossi energetici. Anonymous: colpiremo governo.it

Il gruppo di Hacker Anonymous il 13 febbraio attaccherà il sito internet del governo italiano.

FotoliaFotolia

Il gruppo di Hacker Anonymous il 13 febbraio attaccherà il sito internet del governo italiano.

Un cyber attacco contro le multinazionali dell’energia sarebbe in corso in tutto il mondo. Sembra che la fonte dell’aggressione sia la Cina e che siano già state coinvolte una dozzina di aziende del settore petrolchimico, energetico e petrolifero. Dalla Cina ma non solo. L’operazione è stata denominata "Night Dragon" e secondo McAffe, colosso dei software antivirus, vi starebbero prendendo parte diverse organizzazioni sparse, un po’ in tutto il mondo.

L’attacco sarebbe stato programmato dalla fine del 2009 e, benché non sia ancora noto il nome delle aziende colpite né l’entità dei danni, sono chiare le modalità di aggressione: le aziende colpite avrebbero subito un attacco dei controlli si sicurezza informatica “esterni”, mediante attacchi di tipo phishing ai pc portatili dei dipendenti. In tal modo è stato possibile inserirsi nelle VPN usate per connettersi in remoto a server protetti e assumere il controllo delle strutture informatiche delle società.

Nel frattempo, un gruppo di hacker che si fa chiamare Anonymous annuncia un nuovo "cyber assalto" contro il sito del governo italiano. L’operazione è stata denominata "Operation Italy, part 2". «Siamo determinati a portare avanti la nostra protesta Anonymous è la voce delle persone che si è chiaramente ed in più occasioni espressa contro l'attuale governo italiano», scrive il gruppo in un comunicato. «Gli italiani meritano qualcosa di migliore di Berlusconi e la sua classe politica. Il partito al governo si oppone a tutto ciò che Anonymous considera essenziale: libertà di stampa, internet senza restrizioni», oltre alla «rimozione della tassa Bondi/SIAE, alla cessazione dell'oscuramento di piratebay.org».


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO