BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GEMELLINE SCOMPARSE/ Un teste, "Le ho viste vive il primo febbraio"

Le due gemelline scomparse. foto Ansa Le due gemelline scomparse. foto Ansa

GEMELLINE SCOMPARSE VISTE VIVE - La testimonianza non esclude che il padre abbia ucciso le due ragazzine una volta in Corsica. Secondo la ricostruzione del viaggio compiuto da Schepp con le bambine, effettuato dalla Polizia, l'uomo è sbarcato a Priopriano dal traghetto Scandola con le bimbe ancora vive per poi ricomparire dopo alcune ore, verso le 8 di sera, da solo all'imbarco dei traghetti di Bastia.

L'uomo ha acquistato un biglietto di sola andata per Tolone ed ha effettivamente, come dicono le testimonianze raccolte dalla Polizia, compiuto il tragitto. Intanto la famiglia di Matthias ha rilasciato alcune dichiarazioni tramite un comunicato stampa ufficiale: "un disturbo mentale grave" è alla base delle azioni dell'uomo. I genitori e i fratelli di Matthias Schepp affermano di provare "inquietudine e costernazione" per quanto accaduto.

"Siamo tutti d'accordo e persuasi che nostro figlio e fratello abbia potuto compiere ultimamente atti tanto terribili unicamente a causa di un disturbo mentale grave e della perdita della sua personalità normale", scrive la famiglia del quarantatreenne suicidatosi il 3 febbraio scorso a Cerignola dopo aver fatto perdere le tracce delle sue due figlie di 6 anni. "Lo abbiamo sempre conosciuto come padre amorevole e attento, nonché come uomo rispettoso. E' così che vogliamo ricordarlo. La sua famiglia era tutto per lui", afferma il comunicato citato dall'Ats. "Abbiamo sofferto molto a causa della sua morte e della sorte terribile e incerta delle nostre due nipoti", continua. La famiglia chiede ai media il rispetto della propria privacy.

© Riproduzione Riservata.