BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INIZIATIVE/ Basta bestemmie: lo ha deciso un comune del bergamasco

Dopo le insistenze del parroco un provvedimento leghista per proibire le bestemmie. Ma non saranno previste sanzioni

Scatta il provvedimento anti-bestemmia Scatta il provvedimento anti-bestemmia

BASTA BESTEMMIE: UN COMUNE  LE VIETA - In alcune zone d’Italia, in particolar modo nel nord, si sa, la bestemmia è una pratica tristemente diffusa. Spesso usate più come semplice intercalare che non come vera e propria offesa, rimangono un’esternazione fastidiosa per chi, laici e non, non ne è avvezzo.
Don Mario Bosio, curato del Comune di Brignano Gera d’Adda, una ventina di chilometri da Bergamo, seimila abitanti scarsi, si era stufato di sentire in continuazione per le strade del Paese imprecare il nome di Dio, e ha iniziato a fare presente la situazione al Consiglio comunale. Le bestemmie, si è lamentato il sacerdote, venivano pronunciate tranquillamente anche nei locali dell’oratorio parrocchiale.
Dopo le lunghe insistenze di don Mario, l’amministrazione ha deciso di approvar un ordine del giorno presentato dalla Lega Nord, che sancisce il «divieto di bestemmiare in municipio e in tutte le attività commerciali e imprenditoriali, pubbliche e private».

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SULL'ORDINANZA CHE PROIBISCE LE BESTEMMIE