BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FESTA 17 MARZO/ Si lavora o non si lavora? La politica è divisa e il governo ancora non ha deciso

Pubblicazione:

Il logo della festa dell'Unità d'Italia  Il logo della festa dell'Unità d'Italia

Festa del 17 marzo, 150esimo anniversario della proclamazione dell'Unità d'Italia. E' stata proclamata festa nazionale (ma solo per quest'anno) e tutti gli italiani si chiedono: si andrà a lavorare o no? La politica è divisa, ma anche il mondo del lavoro, il governo ancora non si è espresso. Che succederà il 17 marzo?

REGNO D'ITALIA - Il 17 marzo 1861 il primo Parlamento italiano, allora con sede a Torino, proclamava la nascita del Regno d'Italia. Di fatto, la nascita dell'Italia come oggi la conosciamo, anche se oggi non più regno ma repubblica. E anche se ancora mancante di diverse di quelle regioni che oggi la compongono (altre peraltro sono andate perse, come l'Istria, dopo la fine della Seconda guerra mondiale). Esattamente 150 anni fa, e l'anniversario verrà ricordato da una lunga serie di festeggiamenti e celebrazioni. Ad esempio, la stessa giornata del 17 marzo è stata proclamata Festa Nazionale, come ad esempio l'anniversario della proclamazione della Repubblica, il 2 giugno.

Ma il 17 marzo sarà tale, e cioè festa nazionale, solo per quest'anno, poi tornerà un giorno come tutti gli altri. La domanda però che tutti si sono posti all'annuncio della nuova Festa Nazionale è stata: si potrà restare a casa? Scuole e uffici chiusi? E già che la festa cade di giovedì, la allungheremo con uno di quei ponti festivi di cui gli italiani sono maestri?


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO EPR CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO


  PAG. SUCC. >