BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DISASTRO FIUME LAMBRO/ Indagati i petrolieri Tagliabue, proprietari della Lombarda Petroli

I proprietari della Lombarda Petroli da cui fuoriuscirono gli idrocarburi finiti nel fiume Lambro sono indagati per sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sugli oli minerali.

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

I proprietari della Lombarda Petroli da cui fuoriuscirono gli idrocarburi finiti nel fiume Lambro sono indagati per sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sugli oli minerali.

Giuseppe e Rinaldo Tagliabue, 54 e 49 anni, sono indagati per il disastro del fiume Lambro. Si tratta dello versamento di 2.600 tonnellate stimate di idrocarburi, finite tra il 23 e il 24 febbraio scorso nel fiume Lambro e, inseguito, nel Po. I due, proprietari della Lombarda Petroli da cui, a Villasanta, fuoriuscì il carburante, sono accusati di sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sugli oli minerali.


La ditta, da raffineria, era diventata un centro di stoccaggio. A quanto riporta Il Corriere della Sera, «continuavano a entrare enormi quantità tenute in deposito per conto terzi. Carburante, oli industriali». Tali quantità, «non trovavano corrispondenza nei registri contabili e soprattutto nelle tasse versate. Si ipotizza che in quel febbraio controlli dell'Agenzia delle dogane avrebbero potuto comportare milioni di euro di multe e conseguenze penali».

Ora i pm di Monza, Emma Gambardella e Donata Costa, effettueranno altri interrogatori, mentre i carabinieri di Monza e del Nucleo operativo ecologico hanno depositato i risultati di un anno di indagini. A decidere se intraprende altri provvedimenti nei confronti dei petrolieri, sarà la Procura. Intanto, pare che i due avrebbero favorito lo sversamento.


CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO