BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ "Abitare il digitale" il Pontefice ai partecipanti all'assemblea delle comunicazioni

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

PAPA NUOVI LINGUAGGI COMUNICAZIONE - Benedetto XVI ha rivolto ieri un discorso ai partecipanti all'assemblea del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali riunito a Roma fino al 3 marzo. Nel discorso il Papa riflette su new media e nuove tecnologie della comunicazione, invitando a studiare i linguaggi della cultura digitale per aiutare la missione evangelizzatrice della Chiesa.

Si tratta di "una vasta trasformazione culturale". “La riflessione sui linguaggi sviluppati dalle nuove tecnologie è urgente”, ha detto Benedetto XVI. Il Papa ha ricordato “che le nuove tecnologie non solamente cambiano il modo di comunicare, ma stanno operando una vasta trasformazione culturale. Si va sviluppando un nuovo modo di apprendere e di pensare, con inedite opportunità di stabilire relazioni e costruire comunione”. “Il pensiero e la relazione – ha aggiunto – avvengono sempre nella modalità del linguaggio, inteso naturalmente in senso lato, non solo verbale. Il linguaggio non è un semplice rivestimento intercambiabile e provvisorio di concetti, ma il contesto vivente e pulsante nel quale i pensieri, le inquietudini e i progetti degli uomini nascono alla coscienza e vengono plasmati in gesti, simboli e parole. L'uomo, dunque, non solo ‘usa' ma, in certo senso, ‘abita' il linguaggio”.

Entrando nel dettaglio della nuova comunicazione digitale, Papa Benedetto ha ricordato che in essi si trova “una capacità più intuitiva ed emotiva che analitica”; essi “orientano verso una diversa organizzazione logica del pensiero e del rapporto con la realtà, privilegiano spesso l'immagine e i collegamenti ipertestuali. La tradizionale distinzione netta tra linguaggio scritto e orale, poi, sembra sfumarsi a favore di una comunicazione scritta che prende la forma e l'immediatezza dell'oralità. Le dinamiche proprie delle ‘reti partecipative' richiedono inoltre che la persona sia coinvolta in ciò che comunica”.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE LE PAROLE DEL PAPA SULLA NUOVA COMUNICAZIONE DIGITALE



  PAG. SUCC. >