BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Janet Porter (Usa): così il battito di un bimbo "uccide" gli abortisti

Pubblicazione:

Un feto di 18 giorni in aula di tribunale: è l'Heartbeat Bill  Un feto di 18 giorni in aula di tribunale: è l'Heartbeat Bill

In tema di interruzione di gravidanza, le leggi più conosciute pongono dei limiti dettati dalle settimane trascorse dal concepimento, riconoscendo solo ai feti più sviluppati lo status di persona e le relative tutele. Tutto questo potrebbe adesso cambiare in modo radicale.


Siamo negli Stati Uniti, precisamente nel piccolo Stato dell'Ohio, già protagonista in passato di decise azioni e iniziative pro-life. E' in ballo una iniziativa legislativa che, a prescindere di come andrà a finire, porterà a un acceso dibattito e punterà ancora una volta i riflettori sulla lotta per il diritto alla vita e contro l'aborto.  Si tratta dell'"Heartbeat Bill", il "decreto legislativo del battito del cuore", e a proporlo ufficialmente è un deputato repubblicano dello Stato dell'Ohio, Lynn Wachtmann. Di cosa si tratta? In breve: secondo la proposta di legge, se un feto ha il cuore funzionante, è in grado cioè di rilasciare i battiti del suo cuore, tale feto non potrà essere abortito. Ed essendo che il battito del cuore è possibile avvertirlo 18 giorni dopo il concepimento, automaticamente sarà vietato per le donne abortire dopo il 18esimo giorno.

Un abbassamento della possibilità di abortire clamoroso. "Ogni qualvolta il battito del cuore di un feto sarà identificato" ha detto il deputato alla stampa "quel bambino sarà protetto dall'aborto. Una cosa molto semplice. Dato che nel campo medico le tecnologie continuano a progredire, la protezione dei feti si avvicinerà sempre di più al momento stesso della concezione, cosa che per molti di noi è l'obiettivo finale nella difesa della vita". Per dare forza a questa iniziativa, i promotori di questo decreto (tra cui l'associazione pro-life Faith2Action) hanno deciso di portare alla Commissione Salute della Camera dei deputati dell'Ohio un testimone particolarissimo, il più giovane testimone della storia: un feto di 18 giorni. In modo da far sentire ai commissari il battito del suo cuore. Il presidente di Faith2Action, Janet Porter ha così spiegato l'iniziativa: "Per la prima volta in un'aula, i legislatori stessi saranno in grado di vedere e sentire il battito del cuore di un bambino dentro alla pancia materna. Esattamente come i battiti di tutti quei cuori che l'Heartbeat Bill vuole proteggere". Abbiamo contattato personalmente Janet Porter per farci spiegare a fondo il significato della battaglia "Heartbeat Bill".


Cosa è esattamente Faith2Action? È una organizzazione solo religiosa o anche politica? Vi partecipano anche rappresentanti dei partiti americani?


Faith2Action è il più grande network in America di organizzazioni per la vita e la famiglia che operano insieme online per vincere la guerra culturale in favore della vita, della libertà e della famiglia. Abbiamo anche collegamenti internazionali, che speriamo continuino a crescere attraverso le mail che arrivano sul nostro sito  www.f2a.org. Questo è anche lo strumento per far conoscere chi lavora per questo scopo nel luogo in cui uno vive, così da unire gli sforzi.



  PAG. SUCC. >