BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FECONDAZIONE ASSISTITA/ Per il Vaticano "è peccato". Aggiunti sette nuovi "atteggiamenti peccaminosi"

Pubblicazione:lunedì 21 marzo 2011

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

FECONDAZIONE ASSISTITA VATICANO - Ci sono sette nuovi peccati. Gli atteggiamenti peccaminosi che il Vaticano ha aggiunto ai precedenti sono in tutto sette, e fra di essi c'è anche la fecondazione assistita: «Oggi - afferma il vescovo reggente della Penitenzieria Apostolica, Gianfranco Girotti - ci sono nuove forme di peccato che prima neanche si immaginavano.


CLICCA SU QUESTO LINK PER LEGGERE L'ARTICOLO SULLA SENTENZA DELLA CORTE EUROPEA SUL CROCIFISSO NELLE AULE SCOLASTICHE



CLICCA SU QUESTO LINK PER LEGGERE LE DICHIARAZIONI DELL'ESPERTO USA SULLA SENTENZA SUL CROCIFISSO

Le nuove frontiere della bioetica, innanzitutto, ci mettono di fronte ad alterazioni moralmente illecite e che riguardano un campo molto esteso». Il caso più frequente è rappresentato dal «ricorso ad alcune tecniche di fecondazione artificiale, quale la Fivet, cioè la fecondazione in vitro, non moralmente accettabili». La motivazione della Chiesa: "Il concepimento deve avvenire in modo naturale tra coniugi mentre gli embrioni sono persone". E' tutto il tema delle manipolazioni genetiche a essere sotto accusa, un "terreno insidioso". Aggiunge il Reggente del supremo tribunale della Chiesa per il foro interno "Oggi si offende Dio non solo rubando o bestemmiando, ma anche con azioni di inquinamento sociale, rovinando l’ambiente, compiendo esperimenti scientifici moralmente discutibili".

Ecco allora tutti e sette i nuovi peccati: 1. violazioni bioetiche come il ricorso alle tecniche di fecondazione assistita e il controllo delle nascite; 2. esperimenti di dubbia moralità come la ricerca sulle cellule staminali e gli studi sul dna; 3. abuso di droghe; 4. inquinare l'ambiente; 5. contribuire all'acuirsi della disparità fra ricchi e poveri; 6. eccessiva ricchezza; 7. contribuire a creare povertà. Il vaticano poi denuncia la crisi della confessione, almeno il 60% dei fedeli non la praticherebbe più: "È impressionante oggi il fenomeno della indifferenza che esiste nei confronti della confessione. Attualmente nella Chiesa la posizione di questo sacramento non è delle migliori né sul piano della pratica né su quello della comprensione, mentre, tra i fedeli, si va affievolendo la coscienza del peccato" dice ancora il vescovo.



© Riproduzione Riservata.