BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Quei bambini in via di estinzione che nessuno vuole curare

Solo ora, spiega CARLO BELLIENI, si studia una terapia efficace contro gli effetti negativi della sindrome di Down, diventata una malattia che porta a non far nascere chi ne è afflitto

Foto AnsaFoto Ansa

Un primo studio promettente per una terapia efficace contro gli effetti negativi della sindrome di Down è stato eseguito in Spagna. Ovviamente non ne parla nessuno. Il sito della Fondazione Jerome Lejeune riporta che la notizia è stata data a un congresso scientifico: dopo dei promettenti studi sui topi, il farmaco è stato testato su dei soggetti con sindrome Down, con effetti chiaramente apprezzabili sulla memoria e l’intelligenza.

Come ben sappiamo, una rondine non fa primavera, e ben altri studi serviranno per valutare se questo approccio è davvero efficace o una speranza presto delusa. Le Figaro del 5 aprile, riportando l’avvenimento spiega che, visti gli esiti incoraggianti di questo studio pilota fatto su 30 pazienti, i ricercatori spagnoli che lo hanno condotto vogliono iniziarne uno multicentrico internazionale.

Siamo felici della notizia, ma siamo anche stravolti al pensiero che nessuno ci abbia pensato prima! In Francia ci sono più di 50.000 malati di sindrome Down, e considerando che oltre il 90% viene eliminato prima di nascere, si capisce una cosa: nei fatti la sindrome Down, che colpisce circa un bambino su 700, finisce per diventare una malattia rara, perché non nasce più nessuno che ne sia afflitto; e come le altre malattie rare non riscuote l’attenzione che merita.


COMMENTI
11/04/2011 - Una bella notizia! (Giuseppe Crippa)

Grazie, dottor Bellieni, per la bella notizia ed anche per averci ricordato che uccidere il malato non equivale a debellare la malattia. A questo ci hanno portato questi annni di aborto legalizzato e non ce ne rendiamo neppure conto...