BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BESTIE DI SATANA/ Esce dal carcere la Ballarin: uccise Mariangela Pezzotta

Pubblicazione:mercoledì 20 aprile 2011 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 20 aprile 2011, 15.42

Elisabetta Ballarin al momento dell'arresto, foto Ansa Elisabetta Ballarin al momento dell'arresto, foto Ansa

BESTIE DI SATANA OMICIDIO MARIANGELA PEZZOTTA - Elisabetta Ballarin fu condannata a 23 anni di carcere per l'omicidio di Mariangela Pezzotta. Adesso, dopo sette ani di pena, ottiene la libertà quattro giorni alla settimana per poter frequentare l'università. Elisabetta Ballarin era coinvolta nella setta delle Bestie di satana, un gruppo di giovani che si rese autore di efferati omicidi.

In realtà a uccidere Mariangela non fu lei, ma Andrea Volpe, il capo banda, che sparò al volto della ragazza. La Ballarin però l'aiutò a nascondere il corpo, scavando una fossa nel giardino. La finirono a colpi di badile sul capo. Era solo una di altri tre omicidi effettuati dalla setta che operava in provincia di Varese. Quando fu condannata, il padre di Mariangela la incontrò nel corridoio del tribunale. Lui, Silvio Pezzotta, l'aveva già perdonata. Le disse che quando avrebbe scontato la pena, la porta di casa sua sarebbe stata sempre aperta per lei. Oggi, alla notizia della parziale scarcerazione della ragazza, ripete che non ha cambiato per nulla idea. Non solo. Il signor Pezzotta si ritiene convinto che  Elisabetta fosse stata plagiata dagli altri: era una ragazzina fuori dal mondo - dice adesso il papà di Mariangela - e quella sera tragica agì come un automa, stordita dalla droga.



  PAG. SUCC. >