BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Benedetto "sfida" la tv per parlare di fede al mondo

Pubblicazione:sabato 23 aprile 2011 - Ultimo aggiornamento:domenica 24 aprile 2011, 0.51

Il Papa partecipa alla trasmissione A sua immagine (Foto Ansa) Il Papa partecipa alla trasmissione A sua immagine (Foto Ansa)

Se questa è la cornice “storica”, bisogna dire che l’esperimento è riuscito solo a metà. Il Papa ha fatto bene la sua parte. Risposte brevi, chiare. Contenuti mai banali, assenza di toni retorici; come nel suo stile. Il programma che lo ha ospitato, invece, non ha fatto altrettanto bene la sua parte. Fra una risposta e l’altra del Papa, il pubblico a casa ha dovuto sopportare un interminabile bla bla religioso, spesso prolisso, astruso e retorico. Soprattutto inutile.

Alcune trovate sceniche, in stile Porta a porta, stridevano platealmente con i contenuti in questione e con l’approccio familiare ma sobrio di Ratzinger. C’erano sette domande e sette risposte del Papa. Non bastava trasmettere quelle, tutte di fila e semmai, alla fine, lasciare spazio a un breve giro di commenti degli ospiti in studio? Una mentalità un po’ gretta, forse, ha fatto pensare che Benedetto XVI non fosse sufficientemente “comunicativo” e la sua riflessione dovesse essere diluita alternando momenti più “televisivi”.

Ma gli unici momenti interessanti (anche e soprattutto per lo spettatore laico) sono stati quelli in cui parlava il Papa. Mentre gli intervalli da talk show religioso facevano venire solo la voglia di cambiare canale. Promosso il Papa, insomma. Bocciata o rinviata a settembre, in questa circostanza, la tv.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
23/04/2011 - Nessuna sfida (luisella martin)

Non sono d'accordo con il titolo e non sono d'accordo con la critica alla trasmissione. Le parole del Papa e il suo sguardo hanno rappresentato molto di più che una serie di risposte: ho avuto l'impressione di una preghiera forte del Papa al Padre. Chi ha solo risposto, e molto bene, sono stati i tre invitati alla trasmissione che, in modo diverso, a volte rivelando un eccesso di preoccupazione, ma sempre con garbo e profondità di preparazione si sono messi al servizio di noi tutti. Questo ed altri grandi papi, non hanno bisogno che si abbassino gli altri per apparire in tutta la loro maestà! Ieri in tv con il Papa c'era Gesù e se ne sono accorti anche quelli che erano nello studio e avevano l'ingrato compito di smorzare la luce che, quando è troppa, può far male...