BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LA STORIA/ La mia conversione al cristianesimo vedendo Wojtyla in tv

MIRANDA MULGECI, trentenne albanese, racconta la storia della sua conversione, iniziata all’età di 12 anni, vedendo in televisione Giovanni Paolo II dire messa

Giovanni Paolo II durante la celebrazione di una messa (Ansa) Giovanni Paolo II durante la celebrazione di una messa (Ansa)

Al cristianesimo dopo avere visto alla tv italiana una messa celebrata dall’allora papa Giovanni Paolo II. È la storia di Miranda Mulgeci, 30enne albanese, che la notte del sabato santo ha ricevuto battesimo, cresima e prima comunione da Benedetto XVI insieme ad altre cinque persone. Miranda racconta la storia del suo percorso all’incontro con Gesù attraverso Papa Wojtyla, che sarà beatificato domenica prossima.

Quando le è venuto per la prima volta il desidero di convertirsi al cristianesimo?

Tutto è iniziato quando avevo 12 anni. All’epoca la tv italiana aveva appena iniziato a trasmettere anche in Albania, uscita da poco dal comunismo, e io passavo molto tempo davanti ai canali italiani. Una domenica, per caso, mi sono sintonizzata su Raiuno, e in onda c’era una messa dal Vaticano con Giovanni Paolo II. All’epoca ho capito solo tre parole: «Dio, Gesù e amore». Attraverso lo schermo mi arrivava l’immagine di Gesù riprodotta su una scultura e una musica bellissima che mi è rimasta impressa ancora oggi.

E che cosa ha pensato in quel momento?

A dire il vero non ho pensato a nulla, ero troppo piccola per capire. Però sono rimasta incuriosita, e da quella curiosità è nato tutto. È come se Gesù mi avesse detto «Seguimi», e grazie a quel desiderio man mano che crescevo capivo sempre di più.

C’era qualcosa che l’ha colpita in quelle parole del Papa?

Sì. Quando Giovanni Paolo II disse quelle tre parole, «Gesù, Dio e amore», io mi ricordo bene anche il suo sguardo, e la parola che mi colpì di più era amore. Perché Dio lo capivo, Gesù un po’ lo conoscevo, ma la parola amore in quel momento ha assunto subito un valore aggiunto.

Il fatto di essere di tradizione musulmana ha ostacolato il suo cammino?